Tempo libero

L’Associazione Volontari Ospedalieri dona una magnolia giapponese all’Enriques

Sabato 23 ottobre (ore 11.00) la consegna dell’albero a Castelfiorentino.

L’Associazione Volontari Ospedalieri dona una magnolia giapponese all’Enriques
Tempo libero Val d'Elsa, 20 Ottobre 2021 ore 11:57

“L’albero che resiste, rifiorisce”. E’ con questo slogan che l’Associazione Volontari Ospedalieri organizza questo fine settimana la piantumazione in ogni Comune italiano di un albero, simbolo di rinascita dopo un periodo estremamente difficile per tutti e in modo particolare per il personale sanitario impegnato a gestire questa pandemia.

Nell’ambito di questa iniziativa, promossa in occasione della XIII Giornata nazionale dell’AVO (24 ottobre), la sezione AVO di Castelfiorentino consegnerà sabato mattina (23 ottobre, ore 11.00) una magnolia giapponese agli studenti dell’Enriques, con l’obiettivo di sensibilizzare i giovani a intraprendere la strada del volontariato, un’attività che arricchisce non solo chi la riceve ma anche chi la pratica.

La scelta di piantare un albero nei giardini dell’Istituto superiore “F. Enriques” è anche motivata dal fatto che proprio all’Enriques l’AVO di Castelfiorentino ha tenuto la sua ultima iniziativa in occasione della Giornata nazionale nel 2019, pochi mesi prima della diffusione dell’epidemia da Covid 19.

“Da qui vogliamo ricominciare – spiega Rosa Anna Vannelli, presidente dell’AVO di Castelfiorentino – perché è un bene che i giovani possano avvicinarsi al mondo del volontariato. Il tempo è il dono più grande che abbiamo e la solidarietà, nella nostra vita quotidiana, si sperimenta con l’ascolto, con piccoli gesti, con attenzioni, con l’accettazione dell’altro. Non occorrono parole o azioni eclatanti, è dai piccoli gesti che si prova la gioia reciproca del donare e del ricevere”.

“Piantumeremo una magnolia – prosegue la presidente AVO – una pianta caduciforme attualmente spoglia, ma che fiorirà a primavera. Così anche la vita, che sembrava spogliata mostrando tutta la sua fragilità, minata da un virus invisibile, ora comincia a rifiorire. In tutto questo periodo il volontariato ha resistito e sono certa che saprà dare frutti ancora migliori”.

Alla cerimonia della consegna sarà presente anche l’Assessore alla Sanità e alle Politiche Sociali, Alessandro Tafi

“E’ una bella iniziativa – osserva l’Assessore Alessandro Tafi – che richiama alla memoria la Festa dell’Albero che veniva celebrata molti anni fa, ma che sabato presenta un significato del tutto diverso. Se all’epoca si faceva per educare i giovani al rispetto dell’ambiente, questa volta l’albero rappresenta il seme della solidarietà, del tempo speso al servizio degli altri, del volontariato. Un’attività che a Castelfiorentino vede coinvolti persone di tutte le età e anche tanti giovani, a conferma una sensibilità e di un’attenzione ai problemi sociali che da sempre rappresenta un punto di forza della nostra identità e della nostra storia”.