Obbligo di prenotazione

Il futuro di Venezia: turisti contingentati e tornelli all'ingresso

Si inizierà ad aprile 2021: basterà avere un codice QR sul proprio cellulare per accedere al centro storico. A pagamento.

Il futuro di Venezia: turisti contingentati e tornelli all'ingresso
15 Settembre 2020 ore 15:33

Il sistema, in realtà, era stato programmato mesi fa ma la pandemia ha interrotto tutto: i chiacchieratissimi tornelli di accesso per Venezia verranno installati ed entreranno in uso nel mese di aprile 2021, a detta dell’attuale sindaco, Luigi Brugnaro. Non mancano però le contestazioni da parte degli altri candidati alla carica di primo cittadino…

No alle orde di turisti

Da Prima Venezia

La soluzione dei tornelli, ideata dalla giunta uscente, sembra attualmente la migliore per gestire il flusso turistico di Venezia. Venis S.p.a., l’azienda che si è occupata di sviluppare questo sistema di controllo, ha creato una rete di telecamere e sensori che verranno posizionati nei punti nevralgici del centro storico. In questo modo, sarà possibile incrociare i dati di afflusso con le informazioni che arriveranno dalle celle telefoniche, così da monitorare le effettive presenze nella città lagunare. Il centro di controllo sarà la Smart Control Room, inaugurata proprio in questi giorni al Tronchetto: qui, possono confluire fino a cento terabyte di informazioni provenienti da ogni punto della laguna e della terraferma e già adesso è possibile tracciare le presenze in una determinata area o sapere quanto tempo serve per raggiungere un punto in particolare. Questi dati, già sotto controllo, saranno necessari per calcolare il contributo di accesso.

Tutto a portata di touch

Per veneziani e veneti, le informazioni utili per l’accesso arriveranno su smartphone tramite VeneziaUnica. Per tutti gli altri, invece, al momento della prenotazione tramite app dedicata scatterà anche il pagamento della tariffa di accesso. I ticket corrispondono a:

  • 3 euro per la tariffa ordinaria
  • 6 euro per le giornate da bollino rosso
  • 8 euro per le giornate da bollino nero

In realtà, già dall’anno successivo si prevedono i primi aumenti:

  • 6 euro per la tariffa ordinaria
  • 3 euro per le giornate da bollino verde
  • 8 euro per le giornate da bollino rosso
  • 10 euro per le giornate più affollate

Penseremo di agire sulla leva economica, sopra un certo numero aumenteremo il costo dell’accesso a Venezia -commenta il sindaco Brugnaro- sconsigliando così ai pendolari di visitare la città, invitandoli invece di venire in altri giorni”

Nella quota prevista sono inclusi anche sconti e accessi alle toilette, per rendere la visita più confortevole, anche se non son tardati ad arrivare i commenti da parte degli sfidanti alla poltrona di Ca’ Farsetti.

“Non vanno messi — dice Pier Paolo Baretta, candidato per il centro sinistra — Per quanto riguarda i problemi di introdurre il numero chiuso, affronteremo la questione normativa, ma il problema è a livello di salvaguardia della città”.

LEGGI ANCHE: Chiara Ferragni sbarca a Venezia e riceve il Leone d’Oro “Per l’impegno civico”

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità