Politica
POLITICA

Niente banchetto elettorale per il Partito Comunista a Buonconvento

Bettollini e Rizzo: "Ricordiamo al Comune come sancito dalla Costituzione Italiana e dalla relativa legislazione, che deve solo comunicare quando e dove intende fare la propria propaganda elettorale, senza chiedere autorizzazioni varie".

Niente banchetto elettorale per il Partito Comunista a Buonconvento
Politica Siena, 26 Settembre 2021 ore 17:22

Sabato 25 settembre, al Partito Comunista, è stato NEGATO IL DIRITTO DI PROPAGANDA ELETTORALE. "Vietandoci, di fatto, il banchetto al mercato di Buonconvento. Ricordiamo all'ufficio Economato di Buonconvento ed al suo Sindaco che il Partito Comunista, con il segretario generale Marco Rizzo, è ufficialmente presente alle elezioni suppletive per la Camera per il Collegio 12-Siena e quindi, come sancito dalla Costituzione Italiana e dalla relativa legislazione, deve solo comunicare quando e dove intende fare la propria propaganda elettorale, senza chiedere autorizzazioni varie". Lo dicono Nicola Bettollini, Segretario Federazione Provinciale Senese del Partito Comunista e Marco Rizzo, Segretario Generale del Partito e candidato alle elezioni suppletive Siena.

La protesta

"L'ufficio non può sostituirsi alle legge elettorale che stabilisce ciò, il regolamento Canone Unico del Comune di Buonconvento non può sostituire una legge dello stato, il medioevo è finito da un pezzo.....I militanti della Federazione Senese hanno comunque volantinato per le vie della cittadina ma non hanno potuto usfruire in pieno del diritto alla propaganda politica come gli altri, parliamo del PD e di Letta che camminando a braccetto con il SIndaco di Buonconvento ha preferito cambiare strada, sollecitato da quest'ultimo pur di non incrociarci.

Altra curiosità l'arrivo di Letta, con Marrocchesi Marzi fianco a fianco, caso strano, loro hanno goduto appieno dei diritti politici, mentre a noi ci è stato riferito che i tempi tecnici non permettono il rilascio dell'autorizzazione per collocare un banchetto o un gazebo. Il regolamento comunale è superiore alle legge dello Stato, dobbiamo forse pensare a pressioni di qualche genere? Rimane comunque il fatto che ieri ci è stato impedito di fare propaganda elettorale. Ciò succede in un piccolo paese, evidentemente la partita che gioca Letta è ritenuta molto importante e dal dubbio risultato. Questo non ci farà certo arretrare. Manco di un centimetro".