Politica
Poggibonsi

Illuminazione ‘green’. Avanti sui lavori di efficientamento

Gambassi: “Si completeranno nell’arco di poche settimane e questo consentirà ulteriori valutazioni.

Illuminazione ‘green’. Avanti sui lavori di efficientamento
Politica Val d'Elsa, 26 Giugno 2021 ore 12:31

Proseguono speditamente i lavori di efficientamento della pubblica illuminazione, primo step di un programma complessivo che riguarderà tutto il territorio. “L’intervento in corso interessa quasi duemila punti luce che sono stati e saranno riconvertiti a nuove tecnologie a led capaci di migliorare il servizio e di abbattere inquinamento e spese – dice l’assessore all’Ambiente Roberto Gambassi – I lavori stanno procedendo in maniera rapida tanto che nell’arco di poche settimane giungeranno al termine e questo consentirà di valutare altri aspetti legati ad esempio al flusso di luce”. I corpi illuminanti infatti hanno un determinato range di illuminazione e potenza a terra e, nel momento in cui sono installati, vengono calibrati su una misura standard che è possibile con semplicità aumentare o diminuire, qualora il flusso risulti troppo forte o troppo debole. “E’ opportuno però lasciar passare una fase transitoria che consente di fare questa valutazione una volta che l'occhio si è abituato alla diversa percezione che comunque la nuova tipologia di illuminazione determina – spiega Gambassi – Ringraziamo i cittadini per la collaborazione diffusa di queste settimane, posto che talvolta la sostituzione dei corpi illuminanti non può essere immediata e che i lavori in corso possono comportare anche temporanei malfunzionamenti. Siamo quasi giunti al termine della prima fase di una operazione importante, per migliorare il servizio e renderlo più efficiente e più corrispondente anche alle esigenze di sostenibilità ambientale".

L’intervento in corso è finanziato con oltre 1 milione di euro da parte dell’amministrazione comunale e riguarda la parte nord della città, circa 120 strade. Complessivamente la sostituzione delle vecchie lampade a sodio e mercurio riguarda 1.984 punti luce, circa il 40% degli oltre 5mila vecchi corpi illuminanti ancora attivi sul territorio comunale.

“Stiamo già lavorando sul secondo e ultimo stralcio per essere pronti dopo l’estate ad avviare la fase di gara per la progettazione - dice Gambassi - Quando l’operazione sarà terminata su tutto il territorio avremo un risparmio annuo in totale di almeno 300mila euro a cui si aggiungeranno altre forme indirette di recupero risorse con i certificati bianchi, e un abbattimento di circa 600mila tonnellate di CO2 equivalenti delle 1,4 milioni prodotte ogni anno dalla pubblica illuminazione con una riduzione del 43,4% delle emissioni in atmosfera”.

“Un intervento che rientra in una progettualità più vasta messa in campo dall’amministrazione - chiude Gambassi - Una scelta di responsabilità che guarda alla qualità della vita dei cittadini di oggi e di domani”.