GREVE IN CHIANTI

Chiusura cementificio Testi, “Serve forte reazione”

Chiusura cementificio Testi, “Serve forte reazione”
Politica Chianti fiorentino, 06 Febbraio 2021 ore 15:44

Paolo Gandola, consigliere metropolitano (Centrodestra per il cambiamento), è andato in visita al cementificio Tesi di Greve in Chianti commentando quello che sta succedendo, e la chiusura prevista entro la fine di marzo di una realtà importante nel territorio.

Chiusura cementificio Testi Paolo Gandola
Paolo Gandola al cementificio Testi

Chiusura cementificio Testi, “Serve forte reazione”

“La chiusura entro il prossimo 31 marzo comunicata ieri dall’azienda proprietaria del cementificio Testi è grave ed inaccettabile. Serve una forte reazione di tutte le istituzioni del territorio, Comune di Greve in Chianti e Città Metropolitana in testa, nonché l’immediata sommaria  quantificazione dei costi di riqualificazione e bonifica ambientale dell’area che, qualora permanesse la malaugurata ipotesi di chiusura, dovranno essere totalmente imputati all’azienda. Dovranno così comprendere come sia costoso disfarsi di storiche e qualificate maestranze, chiudendo un sito produttivo fondamentale per il territorio”.

Così si esprime Paolo Gandola, consigliere metropolitano Forza Italia – centrodestra per il cambiamento.

“Agli oltre 70 lavoratori coinvolti e a tutto l’indotto giunga dunque, ancora una volta, la nostra piena solidarietà e sostegno con l’invito rivolto a tutte le sigle sindacali di coinvolgere nelle iniziative di protesta, da realizzare il primo possibile, tutte le istituzioni e le forze politiche, senza alcuna distinzione, affinché si elevi una voce forte ed univoca in difesa della produzione del cementificio, proprio in un momento in cui appare evidente che nei prossimi mesi il cemento sarà sempre più richiesto in ragione dei tanti nuovi investimenti infrastrutturali che saranno avviati grazie alle risorse del Recovery Fund”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli