Politica

Certaldo-Puhoi, il patto di amicizia si rafforza: consegnate le ambulanze messe a disposizione dalle Misericordie

La delegazione ha fatto il punto anche sul progetto di cooperazione sanitaria, fortemente voluto dall'amministrazione certaldese.

Certaldo-Puhoi, il patto di amicizia si rafforza: consegnate le ambulanze messe a disposizione dalle Misericordie
Politica 21 Ottobre 2021 ore 15:34

Un viaggio per ribadire i valori di un patto di amicizia che lega Certaldo e il paese di Puhoi, nella Repubblica di Moldova, e per continuare a costruire insieme progetti che siano garanzia di inclusione e di assistenza adeguate per bambini e ragazzi bisognosi di cure. Ha visto protagonista da domenica 17 a martedì 19 ottobre 2021, una delegazione certaldese: ne hanno fatto parte anche il sindaco di Certaldo, Giacomo Cucini, e l'assessore a Pace e cooperazione del Comune di Certaldo, Benedetta Bagni, il console onorario Alessandro Signorini, l'equipe del progetto PROMOVA, formato da medici e professionisti della sanità, e rappresentanti delle Misericordie di Certaldo, Castelfiorentino e Gambassi Terme.

Nel corso della visita, la delegazione certaldese è stata ricevuta dalle istituzioni locali: ha fatto tappa fra l'altro in Parlamento, ha incontrato il sottosegretario del ministero della Salute e l'ambasciatore d'Italia presso la Repubblica di Moldova e ancora il sindaco della capitale Chisinau. Nell'occasione, si è svolta la cerimonia ufficiale di consegna delle ambulanze partite dall'Italia destinazione Repubblica di Moldova, alla presenza dei rappresentanti delle Misericordie che hanno donato i mezzi di soccorso. La delegazione ha avuto inoltre la possibilità di vistare alcune scuole e realtà del territorio: la visita è stata di fatto anche il momento per riaccendere i riflettori su un progetto di cooperazione sanitaria dedicato ad autismo e disabilità, fortemente voluto dall'amministrazione certaldese, avviato negli anni scorsi e poi frenato dall'emergenza Covid.

"Ho toccato con mano un profondo senso di gratitudine per la nostra capacità di accogliere e di essere a fianco di chi è in difficoltà - sottolinea il sindaco Cucini - Un sentimento forte che mi ha emozionato e reso orgoglioso per quanto in questi anni siamo riusciti a costruire grazie all’impegno di molti, a partire dal console onorario Alessandro Signorini. Accanto alla consegna delle ambulanze partite dall'Italia destinazione Repubblica di Moldova, l’obiettivo della visita era scrivere una nuova pagina del progetto di cooperazione sanitaria dedicato ad autismo, disabilità e inclusione scolastica. Si tratta di un progetto al quale vogliamo dare nuova vitalità per dare opportunità mediche, di relazione e socialità a bambini e ragazzi che hanno bisogno di cure e assistenza".