“Avevo 11 anni quando l’ho conosciuto”. Il ricordo i Vincenzo Bucci dopo la scomparsa di Paolo Saturnini, ex sindaco di Greve in Chianti

Il mio ricordo di Paolo Saturnini è indelebile, se ne è andato un pezzo della mia vita da militante del Pci grevigiano

“Avevo 11 anni quando l’ho conosciuto”. Il ricordo i Vincenzo Bucci dopo la scomparsa di Paolo Saturnini, ex sindaco di Greve in Chianti
Chianti fiorentino, 10 Luglio 2020 ore 16:48

“Ciao Paolo! Amico e compagno di tante avventure politiche nel PCI di Greve. Ho conosciuto Paolo Saturnini che avevo 11 anni. Erano le mie prime feste dell’Unità. Paolo ha trascorso tanto tempo fra quei molti compagni che lo votarono, diventando segretario comunale del partito. Molte volte ci trovavamo in sezione ad imbustare lettere, o fare discussioni politiche di quel grande partito che era il PCI e della svolta che fece Berlinguer con l’eurocomunismo. Paolo era comunque una persona ma anche un compagno che sapeva stare con tutti e dialogava con tutti i compagni e ci metteva, alla fine di ogni riunione, dibattito assemblea, tutti d’accordo. Molte volte in sezione eravamo io e lui, che scriveva le risposte e le idee delle politiche amministrative, o di fatti nazionali. Quando doveva scrivere, si chiudeva nella stanza del partito e ci stava anche 2 ore senza uscire. Io ero quasi sempre in sezione, c’era sempre da fare qualcosa in sezione. Mi ricordo di Paolo che finiva di scrivere e io poi riscrivevo su un poster o manifesto armato di pennarelli blu, rosso e nero. In sezione avevamo un ciclostile a tampone a rullo e a manovella. Ogni volta mi diceva: “Vincenzo, stampiamo questi volantini…” si rideva perché con il ciclostile si faceva confusione per stampare, sembrava un macinacaffè. Di Paolo ho dei bei ricordi, quando c’erano le elezioni amministrative o politiche, ci sentivamo tutti. Eravamo tesi quando arrivavano dalle sezioni del comune i risultati delle varie sezioni. Paolo ci faceva coraggio e stroncava quella pressione sanguigna, con delle risate su qualcuno o qualcosa. Paolo ha dato moltissimo al PCI,  a Greve in Chianti alla sezione di Greve. Le sue idee si sono poi trasformate in fatti e misfatti, in delibere quando diventò sindaco di Greve in Chianti. Il mio ricordo di Paolo Saturnini è indelebile, se ne è andato un pezzo della mia vita da militante del PCI Grevigiano con Paolo in quegli anni ’80-’90. Qualche volta si litigava per il più e per il meno, poi dopo qualche minuto era tutto dimenticato. Paolo era sempre sorridente, scherzoso con tutti e su tutto e lo voglio ricordare così. Ciao compagno Paolo Saturnini! Grazie di tutto quello che mi hai insegnato della politica e di averti conosciuto”. 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità