Menu
Cerca

Visitare la Sardegna in camper: consigli e suggerimenti

Visitare la Sardegna in camper: consigli e suggerimenti
Idee & Consigli 14 Aprile 2021 ore 07:00

Quando si pensa ad una vacanza da sogni non si può non pensare alla Sardegna, fantastica isola dominata dal mare cristallino, da spiagge con la sabbia bianca e da un entroterra selvaggio e intriso di meraviglie storiche e culturali. Prima di elencare tutte le bellezze da visitare durante la vacanza in Sardegna è bene precisare un aspetto importante, è letteralmente impossibile visitare l’intera isola in un’unica vacanza, specialmente se non si è automuniti. È sicuramente vero che sul territorio della regione sono presenti i servizi pubblici, tuttavia, è altrettanto vero che essi non permettono di raggiungere tutte le località dell’isola. È proprio questo il motivo che ogni anno spinge tantissime persone ad organizzare una vacanza in camper e visitare quante più bellezze possibili durante il tragitto. Se non sei un esperto, magari perché questa è la prima vacanza on the road, prima scopri gli itinerari in camper per visitare tutta la Sardegna e dopo organizza tutto il viaggio con precisione. In questo modo è possibile evitare errori, se si ha intenzione di visitare le spiagge più belle dell’isola, ad esempio, allora è inutile portare con se gli scarponi e tutta l’attrezzatura da trekking o per la montagna. 

Prenotare il traghetto in largo anticipo 

Una delle primissime cose da fare quando si organizza una vacanza in Sicilia con il camper è prenotare in anticipo il traghetto. In questo modo non solo ci si assicura il posto sull’imbarcazione, ma è possibile anche risparmiare denaro. Se si ha intenzione di partire nel mese di agosto, è consigliabile prenotare il biglietto per il traghetto già da gennaio in modo da evitare gli aumenti dei prezzi a ridosso dell’estate. 

Utilizzo delle applicazioni 

Se si ha intenzione di organizzare una vacanza in Sardegna con il camper allora è consigliabile abbandonare le ormai vetuste mappe stradali ed utilizzare le apposite applicazioni scaricabili sugli store ufficiali. Esistono molte applicazioni che permettono di individuare in modo rapido tutte le aree di sosta dove è possibile fare una fermata e lasciare il camper, magari per fare una passeggiata, una nuotata, oppure per dormire al suo interno. 

Fare sempre scorta di acqua potabile

Prima di partire con il proprio camper è sempre consigliabile fare scorta abbondante d’acqua, è risaputo infatti che in determinate zone dell’isola è molto difficile reperire acqua potabile. Per non rimanere a secco durante la vacanza, specie se si ha intenzione di restare in vacanza per parecchi giorni, è fondamentale fermarsi ogni tanto nei centri abitati dove è sicuramente possibile fare rifornimento d’acqua. Anche in questa circostanza può tornare utile l’utilizzo delle applicazioni, esistono infatti alcune app che permettono di localizzare tutte le fontane dove è possibile ricaricare i serbatoi. 

Attenzione agli insetti 

Prima di mettersi in viaggio con il camper è fondamentale attrezzarsi nel miglior modo possibile contro gli insetti. È risaputo infatti che al di fuori delle zone abitate, specie se si ha intenzione di dormire nell’entroterra, gli insetti tendono a moltiplicarsi. Tra gli insetti più comuni è sicuramente possibile citare: mosche, zanzare, formiche, pappataci e zecche. Per evitare fastidi, è sempre consigliabile acquistare appositi insetticidi, zanzariere alle finestre del veicolo e i repellenti da mettere al di fuori del camper per poter consumare la cena ed il pranzo intranquillità. 

Evitare l’alta stagione 

Per godersi al meglio tutte le bellezze che la Sardegna ha da offrire ai turisti, è consigliabile partire nel periodo di bassa stagione, in questo modo infatti è possibile evitare le spiagge super affollate e le strade bloccate dal traffico. Se invece non dovesse essere possibile evitare l’alta stagione, allora è consigliabile optare per luoghi non troppo affollati, ad esempio nell’entroterra. La soluzione ideale potrebbe essere la costa sud occidentale dell’isola, ricca di posti poco frequentati dai turisti, specie dai neofiti.