Giannutri: l’isola esclusiva per trascorrere le vacanze

Giannutri: l’isola esclusiva per trascorrere le vacanze
Idee & Consigli 19 Febbraio 2021 ore 07:00

La piccola isola di Giannutri, nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, è la meta ideale per una vacanza suggestiva nella tranquillità totale. Infatti, con le sue esigue dimensioni (solo 500 metri di larghezza x 5 km di lunghezza), la presenza di solo 20 abitanti e l’assenza di auto e strade asfaltate, si può avere la sensazione di avere una piccola porzione di paradiso tutta per sé. I paesaggi dell’isola a forma di mezzaluna sono capaci di lasciare senza fiato anche il turista più esigente, che avrà la sensazione di essere il protagonista di una cartolina. La quasi totalità di assenza di manomissione da parte dell’uomo, ha fatto sì che la natura rimanesse incontaminata. I fondali marini, ad esempio, sono ricchi di biodiversità tutelata, da ammirare con una maschera da snorkeling. Ma anche sulla terraferma è facile rimanere estasiati: i percorsi da attraversare facendo trekking si dislocano tra la fitta macchia mediterranea.

Come raggiungere Giannutri

Per giungere sull’isoletta di Giannutri, è necessario prima arrivare in provincia di Grosseto, Infatti, si possono prenotare i traghetti per Giannutri dal porto Santo Stefano , nel Monte Argentario. La durata della tratta a bordo del traghetto è piuttosto breve, di circa un’ora (con il mare calmo), e le partenze sono molto frequenti durante la giornata. È possibile anche imbarcare una vettura, ma in questo caso è necessario arrivare sul posto due ore prima e seguire le indicazioni dello staff del porto, mentre per gli animali è necessario che essi siano regolarmente vaccinati e dotati dell’idoneo titolo di viaggio.

Cosa vedere a Giannutri

Le bellezze storiche non mancano a Giannutri. I resti risalente all’epoca romana si fondono nel paesaggio, come quelli della villa appartenente alla famiglia di Nerone nella zona centro-occidentale, che è possibile visitare esclusivamente con una visita guidata. Dell’antica costruzione, sono ancora visibili le mura delle stanze, le colonne e gli affreschi, nonché le scale che servivano per raggiungere il mare. Inoltre, la villa ospitava anche una riproduzione del mito del labirinto sotto forma di mosaico, ma ad oggi non è possibile vederlo perché le tessere sono state restaurate e non sono state più messe al loro posto. Bellissimo anche il faro, situato a Punta di Capel Rosso, sul versante meridionale, risalente alla fine dell’800. Un tempo, nell’edificio rettangolare del faro, abitavano dei custodi, ma attualmente è disabitato. Dalla scogliera dei Grottoni, dove è posizionato il faro, è possibile ammirare un panorama che lascia senza fiato.

Le spiagge di Giannutri

Le maggiori cale dell’isola sono Cala Spalmatoio, di sabbia e ghiaia, e, sul versante opposto, Cala Maestra, costituita da ciottoli. Queste due zone sono quelle più agevoli dove posizionare il proprio ombrellone ed incontrare altri vacanzieri. Cala Maestra prende il nome dal maestrale che spira a nord-ovest ed ospita il secondo molo dell’isola; Cala Spalmatoio, situata nel punto più riparato dell’isola, ovvero al centro del golfo a forma di mezzaluna, si chiama così proprio grazie al golfo degli spalmatoi. Il mare, in questa zona, è delimitato da pareti calcaree e da una spiaggetta molto piccola, davvero pittoresca.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli