Menu
Cerca
Il progetto

Lo Chalet cerca un gestore per l’estate

L’Amministrazione punta sul terzo settore per l’affidamento dei prossimi mesi dell’attività al Parco di Canonica

Lo Chalet cerca un gestore per l’estate
Eventi Chianti fiorentino, 03 Aprile 2021 ore 14:00

Sarà un tema che appassionerà non poco il prossimo dibattito estivo, pandemia Covid 19 permettendo.
Alzi la mano, soprattutto fra i giovani, chi d’estate almeno una volta non è stato allo «Chalet» di Canonica, il punto ristoro, diventato un luogo cruciale e di riferimento in Valdelsa.
Da Certaldo, Gambassi Terme, Montaione, Castelfiorentino, Montespertoli e anche dell’Empolese, questo spicchio di verde all’imbocco del parco di Canonica, nel corso degli anni ha accresciuto il suo valore e complice il passaparola è stato capace di crescere in modo esponenziale, sotto tanti punti di vista.
Da un semplice ritrovo, sotto la gestione della Prociv Arci, che si è avvalsa della collaborazione di Cosimo Neri, noto barman certaldese del Salotto Negroni, bar del cinema multisala Boccaccio, lo «Chalet», questo il suo nome acquisito negli ultimi anni, ha ricevuto molte attenzioni.
A cominciare dall’Amministrazione comunale locale di Certaldo che ha deciso, con un recente provvedimento in Consiglio comunale, di rivolgersi sempre alle associazioni del terzo settore per l’affidamento di questo punto di ritrovo, abbandonando di fatto la strada della scelta diretta.
Una finestra che quindi apre a coloro che sono interessati la possibilità di partecipare e quindi entrare in un contesto, dove troverebbero un terreno molto fertile che vede i giovani molto presenti e costanti ogni sera con la loro presenza.
Si tratta di un provvedimento di maggiore respiro che interessa molteplici siti dell’Amministrazione comunale.
Partiamo dal parco di Canonica, vero e proprio polmone verde del paese, la cui gestione è da anni saldamente nelle mani della Prociv Arci, guidata da Fabio Mangani.
Nel 2020 vi fu una proroga per la gestione e manutenzione del parco, con un provvedimento, fra le righe, dove si segnalava il fatto che tali accordi avrebbero ricevuto in futuro modifiche.
Modifiche che sono arrivate e sono sostanziali.
L’accordo vigente scade il 30 aprile, in attesa di ulteriori novità da parte dell’Amministrazione comunale di Certaldo.
La gestione e manutenzione del parco di Caonica sarà così divisa da quello che è il punto ristoro, dove anche altri soggetti potranno a questo ambire.
Perchè, come spiegato in Consiglio comunale dal vicesindaco, Francesco Dei, il punto ristoro va considerato come «un’attività commerciale a tutti gli effetti». In Consiglio comunale l’opposizione, con un provvedimento promosso in primis dal consigliere Eliseo Palazzo, assieme a tutto il gruppo, aveva cercato di inserire alcune modifiche in merito al provvedimento promosso dall’Amministrazione comunale di Certaldo, portando alcuni emendamenti che però sono stati respinti.
In questo provvedimento che ha trovato il disco verde da parte del consiglio comunale si parla anche della gestione del bocciodromo di piazza Pertini, che era in mano all’Arcicaccia, dove l’amministrazione comunale in futuro investirà una cospicua somma per il suo rifacimento.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli