Statalizzazione servizi educativi: fallito tentativo di conciliazione

I sindacati: “Valuteremo le forme di lotta da mettere in campo”.

Statalizzazione servizi educativi: fallito tentativo di conciliazione
Siena, 16 Aprile 2019 ore 17:00

Statalizzazione servizi educativi: fallito il tentativo di conciliazione dal Prefetto.  I sindacati virano verso la mobilitazione dei lavoratori.

Statalizzazione servizi educativi: l’incontro col Prefetto

Nell’incontro con il Prefetto di ieri, 15 aprile, FP CGIL, FPL UIL e RSU hanno riportato l’esito della assemblea dei lavoratori dello scorso 11 aprile dove con una maggioranza schiacciante – 126 favorevoli e 1 contrario – è stata ribadita la ferma contrarietà alla statalizzazione delle scuole dell’infanzia e all’appalto del nido. Il personale ha chiesto inoltre di attivare un percorso di assunzioni al fine di impedire l’impoverimento della qualità dei servizi.

Dai  sindacati si valutano forme di mobilitazione

“La risposta dell’Amministrazione – hanno spiegati i Sindacati – è stata ferma sulle posizioni assunte anche nell’incontro precedente con il Prefetto, rivendicando la libertà di fare le scelte che vogliono. Vista la distanza delle posizioni, il Prefetto ha accertato l’impossibilità di giungere ad un accordo conciliativo”.

“A difesa dei servizi educativi”

“Con le lavoratrici e i lavoratori valuteremo le forme di lotta da mettere in campo – concludono FP CGIL, FPL UIL e RSU – “e al tempo stesso vigileremo costantemente su ogni e altro tentativo di gestione diversa da quella diretta. A difesa dei Servizi Educativi e più in generale nei servizi pubblici, è arrivato il momento di una strenua difesa ed iniziativa sia di carattere locale che regionale, che scongiuri l’abbattimento della qualità dei servizi, fiore all’occhiello di tante Amministrazioni che produce spesso purtroppo un innalzamento dei costi a discapito di chi vi lavora e dell’utenza”.

LEGGI ANCHE:CGIL POGGIBONSI: LA SALA RIUNIONI DEDICATA A SIMONE BUCCIANTI FOTO

Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità