Menu
Cerca

La consegna delle borse di studio di Banca Valdichiana ai tempi del covid: l’emozione e l’importanza di esserci

Ben 38 i ragazzi che hanno partecipato da tutto il territorio di competenza a testimoniare le difficoltà dell’anno trascorso e la volontà di ripartire. 13.700 euro la cifra distribuita quest’anno

La consegna delle borse di studio di Banca Valdichiana ai tempi del covid: l’emozione e l’importanza di esserci
Economia Siena, 29 Marzo 2021 ore 18:12

Distanziamento sociale, mascherina, dad, congiunti, lockdown: sono queste solo alcune delle parole ed espressioni che i giovani premiati con le Borse di studio di Banca Valdichiana hanno scelto, in un gioco proposto dal Presidente Fabio Tamagnini e dal presentatore Diego Mancuso durante la cerimonia di consegna che si è svolta sabato 27 marzo, per rappresentare in una parola o un’espressione questo lungo periodo di oltre un anno di pandemia. Che tutti abbiamo vissuto ma che i bambini e ragazzi hanno forse sofferto più degli adulti. Costretti in casa dietro uno schermo, continuamente in didattica a distanza, hanno combattuto a loro modo, desiderosi di tornare in quelle aule che in altri momenti hanno detestato o temuto.

E’ stata così una cerimonia molto particolare la 18esima consegna delle Borse di studio di Banca Valdichiana: non si è svolta a teatro come da tradizione ma nell’auditorium della Banca, non c’era l’orchestra Young band ad accompagnarla ma il disinfettante a scandire il succedersi dei gruppi, non la platea piena ma pochissimi accompagnatori e ad ogni gruppo coloro che li avevano preceduti dovevano uscire.

4 foto Sfoglia la gallery
Ma è stata forse per questo ancor più importante ed emozionante.

“Ci tenevamo molto – ha spiegato il Presidente Tamagnini, a margine della manifestazione – a consegnare di persona le borse di studio, anche se dopo due rinvii temevamo di non riuscirci, perché riteniamo che sia importante testimoniare ai ragazzi e alle famiglie la nostra vicinanza fattiva, guardandoci negli occhi nonostante le difficoltà. In 18 edizioni abbiamo investito quasi 620mila euro in borse di studio per i ragazzi, solo quest’anno 13.700 euro, a testimonianza di quanto crediamo in loro, nel valore della cultura in grado di liberare veramente da ogni prigionia e nell’investimento per le famiglie del territorio e quindi per l’economia locale.”

E i bambini e ragazzi hanno risposto bene all’invito, desiderosi di un po’ di normalità: 76 le borse assegnate, 38 i presenti: anche se non tutti hanno potuto partecipare, si sono avvicendati molti gruppi di bambini della scuola primaria con le loro famiglie, di ragazzi che hanno appena concluso la scuola secondaria di primo grado che hanno parlato della difficoltà di cominciare un nuovo ciclo di scuola in dad e di giovani neodiplomati che ancor più hanno raccontato di soffrire l’impossibilità di vivere il primo anno da universitari in presenza e la difficoltà di fare una scelta così importante per il loro futuro senza poter visitare le facoltà e farsi un’idea di persona. Forse più fortunati i molti neolaureati che hanno raccontato quasi tutti di esperienze erasmus pre lock down e soprattutto di esperienze di lavoro anche durante questo anno di pandemia con assegni di ricerca o contratti a termine ma comunque con la possibilità di proseguire la loro vita nello studio o nel lavoro nonostante il covid, a testimoniare come la cultura sia la vera possibilità di riscatto e apra le porte del futuro.

A premiare i giovani, oltre al Presidente della BCC Fabio Tamagnini, il Vicepresidente Vincenzo Albanese, i Consiglieri di Amministrazione Serena Augero, Paolo Bittarelli e Roberto Minetti.

Insieme a loro, a rappresentare le amministrazioni locali, il Sindaco di Montepulciano Michele Angiolini, – che ha ringraziato la BCC per l’impegno per i giovani, le famiglie e l’economia locale, ricordando anche il grande impegno profuso dalle amministrazioni locali in questo anno di pandemia ad esempio attraverso i voucher per la spesa – e, a rappresentare le istituzioni scolastiche, il Dirigente dei Licei Poliziani, Marco Mosconi – che ha parlato della capacità e dell’importanza dello studio per il futuro personale e non e del desiderio dei ragazzi di ritornare nelle aule.

L’auspicio con cui si è conclusa la cerimonia è stato che la prossima manifestazione, presumibilmente entro fine 2021, possa tornare a svolgersi in teatro e che sia possibile ripartire e ricominciare a stare insieme.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli