Menu
Cerca
San Gimignano

Gli albergatori tra progetti e speranze

L’associazione del settore sta sfruttando il periodo per creare una strategia di formazione ed incentivare varie proposte. Un piano svolto contemporaneamente a Volterra

Gli albergatori tra progetti e speranze
Economia Val d'Elsa, 03 Aprile 2021 ore 16:00

Sono molti i progetti già in essere ed in via di sviluppo promossi per il 2021 dell’associazione «Albergatori San Gimignano». Alessandro Sabatini è il presidente dell’associazione ed ha voluto comunicare le operazioni che con tenacia sta portando avanti il gruppo. I progetti sono stati pensati per far si che nel momento della riapertura le strutture siano in grado in primis di avere una maggiore formazione degli operatori, altri invece servono ad incentivare le proposte sul territorio ed, inoltre, per creare una rete sinergica fra le imprese non soltanto della città, ma anche dell’ambito territoriale della Val di Cecina e Val d’Elsa.
«Fanno parte – ha affermato Sabatini – del primo gruppo lo studio ad hoc per i nostri soci di un corso di marketing turistico territoriale denominato “Fare Destinazione”, con docenti di alto livello che ci impegnerà per tutto il mese di marzo, vista la maggiore disponibilità di tempo, con incontri bisettimanali ed un totale di 23 ore di corso. Per la quale realizzazione devo in primis ringraziare Luisella Bartali responsabile provinciale del settore turismo della Confcommercio Federalberghi, che ci ha messo a disposizione l’intero settore formazione e la lungimiranza di una nostra socia e delegata del Consiglio Confcommercio della città Elisabetta Marro».
Sempre nell’ottica della preparazione dei soci e concierges l’associazione sta preparando con l’assessore al Turismo Carolina Taddei e la società che gestisce tutto il sistema Museale «Opera Laboratori Fiorentini Spa» un educational aperto a tutti i soci ed addetti reception, con il quale verrà proposto un front desk più preparato e propositivo nei confronti dei clienti e dei turisti.
«Tutto – ha concluso Sabatini – il progetto viene già improntato in contemporanea dall’associazione albergatori di Volterra in collaborazione con il consorzio turistico Volterra, la Pinacoteca e Museo Civico in modo che la totalità degli addetti ai lavori sia della città che di Volterra possono avere una formazione adeguata sul patrimonio museale che entrambi i siti hanno a disposizione. Si parla spesso di turismo emozionale e noi vorremmo trasmetterlo al cliente in arrivo. È una cosa importante che un receptionist o un proprietario di albergo riesca a trasmettere al cliente una determinata emozione, ma se non è riuscito a provarla difficilmente riuscirà a riproporla». La visione dell’associazione è quella un domani di coinvolgere in questa esperienza tutti i settori ricettivi, extralberghieri, i quali nel caso del territorio rappresentano la percentuale maggiore. Essendo la città il comune italiano con il maggior numero di strutture extralberghiere in relazione al territorio. Non è un periodo facile soprattutto per alcune categorie, ma il gruppo sangimignanese sta sfruttando il periodo per stare «sul pezzo», continuare a formarsi ed adeguarsi per la futura stagione turistica.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli