Menu
Cerca
BELLA PARTENZA

Esordio per Cantine Vi.vi.to: 800 soci produttori al servizio della filiera vitivinicola

Forte di tre centri di raccolta e vinificazione, due aziende agricole per oltre 450 ettari, 1200 ettari di superficie vitata condotta dai conferitori, Vi.Vi.to punta ad offrire ai propri soci solidità e continuità nella remunerazione delle uve.

Esordio per Cantine Vi.vi.to: 800 soci produttori al servizio della filiera vitivinicola
Economia Siena, 06 Febbraio 2021 ore 11:17

La realtà produttiva affonda le proprie radici in un vasto territorio, da Geggiano-Pontignano (SI) nel Chianti Classico fino ad Empoli (FI), passando per San Gimignano (SI) e l’intera Val D’Elsa-

Esordio per Cantine Vi.vi.to

La firma dell’atto di fusione rende operativa l’azienda Vi.vi.to, nata da Cantina Sociale di Certaldo e Cantina Colline del Chianti a cui si aggiungono la Cantina di Geggiano-Pontignano ed i Tenimenti le Certane, precedentemente incorporati.
Alla presenza del Notaio Andrea Venturini, i legali rappresentanti dei due gruppi cooperativi, Davide Ancillotti e Malcolm Leanza, hanno dato vita alla nuova realtà produttiva che affonda le proprie radici in un vasto territorio, da Geggiano-Pontignano (SI) nel Chianti Classico fino ad Empoli (FI), passando per San Gimignano (SI) e l’intera Val D’Elsa.
Soddisfatto per la positiva conclusione dell’iter di fusione, il Presidente Davide Ancillotti esplicita la missione di Vi.Vi.to: “Valorizzare le principali denominazioni toscane garantendo ai propri clienti significativi volumi di vino sfuso”.
Forte di tre centri di raccolta e vinificazione, due aziende agricole per oltre 450 ettari, 1200 ettari di superficie vitata condotta dai conferitori, Vi.Vi.to punta ad offrire ai propri soci solidità e continuità nella remunerazione delle uve.
“Si tratta di rafforzare il principale anello di congiunzione della filiera vitivinicola, ovvero quello tra produttori ed imbottigliatori”, sottolinea Ancillotti che indica tra gli obiettivi di Vi.vi.to il prosieguo del progetto già consolidato alla cantina di Certaldo ovvero quello di ricercare un costante miglioramento della qualità dei vini prodotti finalizzato ad una migliore liquidazione delle uve conferite dai soci.