CULTURA

Poggibonsi si conferma “Città che legge”. Per il terzo anno consecutivo arriva il prestigioso riconoscimento del Centro per il libro e la lettura (Mibact)

Berti: “Un risultato che conferma attenzione e impegno promosso. Un lavoro collettivo che coinvolge la biblioteca e tutto il territorio”

Poggibonsi si conferma “Città che legge”. Per il terzo anno consecutivo arriva il prestigioso riconoscimento del Centro per il libro e la lettura (Mibact)
Val d'Elsa, 07 Luglio 2020 ore 11:10

Poggibonsi è “Città che legge”. Per il terzo anno consecutivo è arrivato il prestigioso riconoscimento del Centro per il libro e la lettura (Ministero Beni ed Attività Culturali). “Un riconoscimento che conferma il percorso di attenzione e l’impegno promosso – dice l’assessore alla Cultura Nicola Berti – Dal 2017 partecipiamo al concorso con risultati sempre positivi che vanno di pari passo con l’andamento dei dati che caratterizzano la nostra biblioteca dove è continua la crescita del numero dei prestiti e delle tante attività collaterali legate ai progetti di lettura rivolte anche alle scuole di ogni ordine e grado. Nonostante il periodo di emergenza Covid19 il trend di prestiti continua a dare segnali positivi. Basti pensare che dal 7 maggio al 3 luglio, grazie al progetto di ‘Biblioteca alla finestra’ sono stati 1091 i prestiti e 1587 le restituzioni. Adesso stiamo predisponendo la prossima riapertura in sicurezza della biblioteca”.

Il concorso. Il Centro per il libro e la lettura, d’intesa con l’Anci, intende promuovere e valorizzare, con la qualifica di “Città che legge 2020-21”, le Amministrazioni Comunali che si impegnano a svolgere con continuità politiche pubbliche di promozione della lettura sul proprio territorio. Attraverso tale qualifica si intende riconoscere e sostenere la crescita socio-cultuale delle comunità attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva. Il Centro per il libro e la lettura ha dunque pubblicato l’avviso pubblico rivolto alle Amministrazioni comunali per ottenere tale qualifica di “Città che legge”, che vuole essere uno strumento vivo per garantire ai cittadini l’accesso ai libri e alla lettura, un territorio in cui l’amministrazione diventi riferimento per attività permanenti di promozione della lettura da realizzare di concerto con gli attori locali.

Il Comune ha presentato la propria candidatura con successo ed è inserita nell’elenco, pubblicato sul sito del Centro (www.cepell.it), Istituto autonomo del Mibact che dipende dalla Direzione Generale Biblioteche e Istituti culturali, che vede Poggibonsi fra le città che hanno ottenuto la qualifica.

“Il terzo anno di successi per la lettura – dice Berti – Un risultato che per noi è fonte di soddisfazione e di stimolo a proseguire nel nostro impegno a sviluppare buone pratiche di promozione del libro attraverso il territorio, la biblioteca e la sua collaborazione con altri soggetti pubblici e privati. Un Patto locale per la lettura, da noi nuovamente sottoscritto, per portare avanti un impegno collettivo a promuovere la lettura, la cultura e la crescita della nostra comunità”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità