La storia

Alla scoperta di Santa Caterina: i 6 luoghi magici

Oggi, 29 aprile, è l’anniversario della morte della Santa

Alla scoperta di Santa Caterina: i 6 luoghi magici
Siena, 29 Aprile 2020 ore 13:35

Caterina di Jacopo Benincasa nasce a Siena il 25 marzo 1347 e muore a Roma il 29 aprile 1380.

Vivrà una vita piena di spiritualità, di incontri e di impegno per le persone più deboli. A Siena ha trascorso gran parte della sua vita lasciando testimonianze indelebili nella città del Palio.
Ecco i luoghi magici in cui Santa Caterina lascio il segno.

Basilica di San Domenico

Nell’importante basilica gotica, Caterina visse momenti salienti della sua eccezionale esperienza mistica. Nella Cappella dedicata alla santa si può osservare la più importante delle sue reliquie: la sacra testa. Ma qui, è conservato anche l’unico probabile ritratto della santa in vita, dipinto da Andrea Vanni nel 1375.

Casa Santuario di Santa Caterina

La casa natale di Caterina, dove si entra nella sua intimità. Nel corso dei secoli è stata arricchita di opere d’arte e trasformata in un vero e proprio Santuario.

Fontebranda

È collocata nel quartiere dove Caterina nacque. Si tratta della più antica fonte della città, un luogo di straordinaria importanza per il popolo senese dell’epoca: forniva acqua ai cittadini e garantiva l’esistenza di numerose attività, tra le quali la tintoria del padre della santa.

Salita del Costone

Fu il luogo della prima visione di Caterina, avvenuta all’età di sei anni: un episodio che segnerà la sua vita futura.

Battistero e scalinata di San Giovanni

Qui Caterina venne battezzata, come tutti i senesi per secoli. Lungo la scalinata che porta alla soprastante piazza del Duomo, una piccola croce su uno dei gradini segna il punto in cui la santa cadde durante una tentazione del demonio.

Oratorio di Santa Caterina della Notte 

Un luogo suggestivo in cui Caterina pregava e faceva penitenza insieme ai confratelli dell’antica compagnia di san Michele Arcangelo. Sul lato sinistro dell’oratorio si osserva l’angusta cella in cui la santa riposava dopo aver vegliato sui malati dello Spedale.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità