Cronaca

Verdi Impruneta: "Trasporto pubblico locale, tante promesse come pinocchio"

Le corse "Impruneta - Firenze" sono ancora fuori dalla rete urbana senza il biglietto unico da 1.50 euro". E' questa la denuncia dei Verdi Impruneta.

Verdi Impruneta: "Trasporto pubblico locale, tante promesse come pinocchio"
Cronaca Chianti fiorentino, 14 Maggio 2022 ore 11:09

"Trasporto pubblico locale, tante promesse come pinocchio, ma le corse "Impruneta - Firenze" sono ancora fuori dalla rete urbana senza il biglietto unico da 1.50 euro". E' questa la denuncia dei Verdi Impruneta.

"Sono oramai scaduti i famosi “4-6 mesi per la fase di progettazione e riordino delle linee su Impruneta” che, lo scorso ottobre, l’Osservatorio dei Trasporti della Città Metropolitana dichiarava essere necessari per poter inserire le corse “Impruneta-Firenze” nella cosiddetta “rete urbana”, del trasporto pubblico locale (TPL) quindi col biglietto unico da € 1,50.

A ciò si aggiunse il contestuale impegno del consigliere metropolitano con delega al TPL, Francesco Casini, a vigilare per “accorciare al massimo i tempi previsti”.

Già dallo scorso anno i Verdi per Impruneta avevano sollecitato Regione Toscana e Città Metropolitana affinché fin dall’avvio del servizio col nuovo gestore Autolinee Toscane del servizio di trasporto (1° novembre 2021), anche la tratta “Impruneta-Firenze” fosse fruibile con il solo biglietto o abbonamento di tipo urbano, come previsto dal contratto di assegnazione del TPL.

Rispose allora solo la Città Metropolitana di Firenze, tramite l’Osservatorio dei Trasporti ed il consigliere metropolitano Francesco Casini, ma quegli impegni allora dichiarati non risultano ad oggi essere stati rispettati.

Tuttavia nessuno ha mai saputo spiegare cosa avesse impedito di “avvantaggiarsi” nella fase di eventuale progettazione delle attuali corse extraurbane ed urbane che interessano il territorio di Impruneta, considerato che il contratto di assegnazione del servizio di TPL con Autolinee Toscane Spa, fosse stato sottoscritto già nell’agosto 2020.

Dopo oltre 6 mesi dal cambio del gestore le corse del trasporto pubblico “Impruneta – Firenze” continuano quindi a restare fuori dalla “rete urbana”, penalizzando ulteriormente gli studenti ed i lavoratori che da Impruneta si recano giornalmente a Firenze, che da anni attendono pazienti che l’intero territorio comunale di Impruneta sia incluso nella “rete urbana” del trasporto locale.

Allora rinnoviamo una proposta di semplice buon senso, hanno scritto oggi in una lettera inviata a Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze ed Autolinee Toscane: “da subito si applichi la tariffa urbana da € 1,50 sulle corse fra Impruneta e Firenze. Nel frattempo avrete poi tutto il tempo che vi necessita per il riordino delle corse del trasporto, ma senza continuare a scaricare sui cittadini ed utenti di Impruneta le conseguenze di ulteriori ritardi”.

Anche il Consiglio Comunale di Impruneta nello scorso mese di ottobre 2021, recependo anche le sollecitazioni dei Verdi per Impruneta, aveva approvato all’unanimità una mozione affinché fosse fosse applicata la bigliettazione urbana su tutto il territorio di Impruneta, come previsto nel bando regionale di affidamento del servizio di TPL del 2012 (!!), ma evidentemente Impruneta è considerato tra i comuni di … “serie C2” (che “contano un cavolo”).

Come si ricorderà fin dal 1° gennaio 2012 (sigh !) – con la promessa sarebbe stato per un breve periodo transitorio, proprio in attesa del nuovo bando di affidamento del trasporto pubblico a livello regionale – sulle linee del trasporto pubblico dal capoluogo di Impruneta è stato abolito il “sistema integrato tariffario” che consentiva con un solo biglietto o abbonamento di “tipo urbano” il collegamento tra Impruneta e Firenze.

Così da undici anni il Comune di Impruneta è rimasto diviso a metà, ed inserito in due lotti diversi del trasporto pubblico: quello “urbano” che interessa la tratta Tavarnuzze - Firenze, e quello “extra-urbano” per il collegamento tra Impruneta e Firenze".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter