Vende abbigliamento falso porta a porta

Usava lauto come punto vendita.

Vende abbigliamento falso porta a porta
Val d'Orcia, 23 Aprile 2019 ore 09:53

Vende abbigliamento falso: prosegue l’azione dei reparti della Guardia di Finanza di Siena a tutela della legalità economica e del consumatore.

Vende abbigliamento falso: usava l’auto come punto vendita

Nell’ambito dell’attuazione del “Dispositivo Operativo” messo a punto dal Comando Provinciale per contrastare in modo concreto il fenomeno della contraffazione, dell’abusivismo commerciale organizzato e garantire la tutela del “Made in Italy”, le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Siena hanno individuato un soggetto, già noto alle Forze dell’Ordine per fatti analoghi, che nel comune di Montepulciano vendeva direttamente “porta a porta” ai propri clienti capi di abbigliamento riportanti il marchio falso di note griffes. La merce, detenuta all’interno di un’auto che veniva utilizzata per l’occorrenza come punto vendita, è stata immediatamente sottoposta a sequestro, mentre il soggetto è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Siena per il reato di contraffazione.

Il mercato falso come moltiplicatore d’illegalità

Il mercato del falso rappresenta un moltiplicatore d’illegalità. Alimenta i circuiti sommersi del lavoro nero, dell’immigrazione clandestina, dell’evasione fiscale, del riciclaggio con ingerenze della criminalità organizzata. In tale contesto, è massima l’attenzione che la Guardia di Finanza pone a contrasto della commercializzazione dei prodotti contraffatti e non sicuri – realizzata mediante una costante azione di controllo economico del territorio. Detta attività è rivolta da un lato alla tutela della salute dei consumatori, dall’altro a garantire il corretto funzionamento del libero mercato e a tutelare i commercianti rispettosi delle regole.

LEGGI ANCHE: INCIDENTE A BARBERINO VAL D’ELSA, SI RIBALTA UN’AUTO

LEGGI ANCHE: TRAGEDIA DI PASQUETTA: TROVATO IL CADAVERE DI UN UOMO IN ARMO

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità