Menu
Cerca
CRONACA

Valdelsa zona hot alle prese con i giochi erotici: i piu’ venduti vibratori, mascherine e manette

Abbiamo intervistato il titolare di un sexy shop per capire le tendenze

Valdelsa zona hot alle prese con i giochi erotici: i piu’ venduti vibratori, mascherine e manette
Cronaca Val d'Elsa, 16 Aprile 2021 ore 17:57

L’arte del piacere è sicuramente una delle più alte forme espressive dell’umanità. L’erotismo deve essere sinonimo di libertà concettuale, fisica e sociale. Ciò che rientra nell’amore tra due esseri viventi può essere sempre tutto lecito. Le fantasie nascoste e recondite hanno l’ambizione di uscire dagli schemi intorpiditi di alcune convinzioni morali. L’elemento dell’irrazionalità è fondamentale. I greci indicavano la parola «estasi» a proposito del rapporto sessuale. Questo termine stava a significare il fatto di essere fuori di sé. Se non sfocia in istinti animaleschi e in aride sensazioni, l’atto carnale con le sue innumerevoli sfumature (Fifty Shades of Grey?) è pura essenza romantica. L’orgasmo fisico accompagnato da quello mentale rappresenta uno degli zenit della nostra socialità. Per raggiungere gli alti apogei del godimento è necessario talvolta farsi aiutare. Giacomo ha un sexy shop online con sede a Colle val d’Elsa. Il nome del negozio è «My Secret Shop».

Il viaggio nel sexy shop

Come tutti i luoghi di provincia, la Valdelsa non certo brilla per l’attitudine a chissà quali concezioni afrodisiache. Le paure e i blocchi mentali nei confronti del tabù sono sempre dietro l’angolo. Giacomo analizza la situazione: «Purtroppo molte persone si vergognano anche a comprare i profilattici. L’erroneità di questi pensieri è facilmente dimostrabile. Il preservativo protegge da malattie o da gravidanze inattese che possono causare un aborto. Non è possibile provare vergogna per un acquisto che fa bene. In generale questo timore verso la mia attività (e dei miei due soci) è infondato ed esagerato. Addirittura abbiamo avuto problemi a trovare una banca che ci aprisse il conto. In aggiunta, non tutti i corrieri accettano di lavorare per noi. E’ una vita imprenditoriale paradossalmente difficile, anche se il Sole 24 Ore ricorda come il giro economico, che ruota intorno a questo mondo, ha cifre a nove zeri. Infatti pensammo di aprire questo esercizio commerciale subito dopo l’esplosione della pandemia. L’anno scorso, dopo aver studiato le analisi di mercato, ci siamo accorti che i single avevano la necessità di rivolgersi a determinati articoli. Inizialmente abbiamo puntato tanto su quel tipo di clientela, ma adesso possiamo contare su una vasta gamma che soddisfa qualsiasi evenienza. Teniamo moltissimo alla qualità dei nostri prodotti, poiché la maggior parte di essi entra in contatto con parti intime. La salute dei clienti è l’aspetto più importante».

Inoltre per Giacomo un sexy shop deve rappresentare quella marcia in più tra le alcove di spensieratezza. Tramite un’indagine delle vendite è possibile comprendere quali sono i gusti dei valdelsani, che usufruiscono di alcuni giochini erotici: «Il vibratore per donna è in cima alle classifiche di vendita – ha affermato Giacomo -. Esistono vibratori di vario genere. Quello mini e quello telecomandato sono i più gettonati. Quest’ultimo, azionandolo con uno smartphone, concede la possibilità di essere usato in qualunque momento della giornata. A seguire nella graduatoria ci sono i masturbatori maschili, cioè accessori che assomigliano alle vagine. Per quanto riguarda il sesso di coppia, i carrelli sono un po’ più vuoti. La colpa è sempre causata dai soliti tabù, che in certe circostanze coesistono anche all’interno di una relazione affiatata. Tuttavia oli lubrificanti, mascherine, anelli e completini intimi occupano una buona fetta degli introiti. Da poco abbiamo lanciato una nuova linea di intimo commestibile composto da caramelle senza zuccheri e glutine. Sta andando bene. Crescono gli acquisti di giocattoli fetish come fruste, frustini, pinze per i capezzoli, manette e paddle. Infine nel periodo estivo assistiamo ad un incremento del commercio che concerne alcune cerimonie. Un regalo divertente non può mai mancare negli addii al nubilato e al celibato. Un sexy store non deve essere legato ad un’immagine di perversione, perché alla base ci sono il divertimento e il piacere di ogni persona».