Il Decreto della Fase 2

Tutto quello che c’è da sapere per la ripresa dal 18 maggio

Le parole del premier Conte sulle nuove norme

Tutto quello che c’è da sapere per la ripresa dal 18 maggio
Siena, 16 Maggio 2020 ore 21:14

“Abbiamo ultimato il Dpcm con le norme attuative, affrontiamo la fase 2 con la voglia di ricominciare, ma con prudenza. I dati delle curve epidemiologiche sono incoraggianti”. Queste le prime parole del premier Giuseppe Conte che ha illustrato le norme dal 18 maggio.

Da lunedì, niente più autocertificazioni per spostarsi all’interno della propria Regione e sarà possibile incontrare gli amici. Resta il divieto di assembramento e occorre mantenere la distanza di un metro mentre la mascherina è fortemente consigliata nei luoghi chiusi, nei posti affollati all’aperto e in qualsiasi altra occasione rischiosa nel quale non possano essere rispettate le distanze.

Non potranno uscire di casa coloro che sono  positivi o in quarantena, o abbiano sintomi compatibili al Covid 19.

Dal 18 maggio riapriranno i negozi di vendita al dettaglio, le attività di cura alla persona, i ristoranti, i bar, le gelaterie, i pub. Lo stesso vale per gli stabilimenti balneari e le celebrazioni liturgiche. Il 18 riprendono anche gli allenamenti per gli sport di squadra e riaprono i musei. Il 25 maggio sarà la volta di palestre e piscine e dal 15 giugno potranno invece riaprire cinema, teatri e quello che Conte ha definito «un ventaglio di offerte varie per i bambini a carattere ludico ricreativo».

Le regioni saranno libere di ampliare queste misure o restringerle ma ovviamente zone come Lombardia, Molise e Umbria dovranno avere molta cautela.

Dal 3 giugno sarà possibile spostarsi da una regione all’altra e anche da e per altri Stati Europei che dice il premier “getterà le premesse per una ripresa del turismo”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità