BECCATE CON LE MANI IN PASTA

Tentano un furto, ma.... era la casa di un poliziotto

Le due minorenni sono state beccate proprio dal proprietario, un'agente della Questura di Siena.

Tentano un furto, ma.... era la casa di un poliziotto
Cronaca Siena, 15 Dicembre 2020 ore 13:43

E’ andata decisamente male alle due giovani ragazze fermate ieri sera dalle volanti della Questura di Siena nella zona di Ravacciano.Non potevano sapere che nell’appartamento individuato per un verosimile furto ci abita un agente della Questura di Siena.

Hanno dapprima suonato, come da prassi, per verificare la presenza di persone all’interno per poi, eventualmente, decidere di forzare l’ingresso ed accedervi. Il poliziotto sta rientrando in casa proprio in quel momento in compagnia del figlio uscito da scuola, le nota e chiede loro spiegazioni. Intuisce subito, vista l’insofferenza alle domande delle due ragazze, il vero motivo della loro presenza.

Allerta, quindi, la Sala Operativa e di lì a poco le volanti della Questura bloccano le due ragazze, due nomadi appena quindicenni, sprovviste di qualsiasi documento, che continuano a giustificarsi riferendo di trovarsi lì per incontrare una loro amica. Condotte in Questura per la loro identificazione e per gli approfondimenti investigativi, vengono perquisite dai poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico. Ben nascosti nel reggiseno di una delle due gli agenti rinvengono due grossi cacciavite lunghi trenta centimetri, attrezzi usati normalmente per forzare gli ingressi negli appartamenti poi svaligiati.

Le due giovani, al termine dell’attività di identificazione, sono risultate non nuove a tali azioni delittuose; una delle due, in particolare, proprio quella con indosso i due cacciavite, annovera già svariate denunce per furti in appartamento, commessi in varie località d’Italia. Al termine dell’attività, coordinata dal Pubblico Ministero della Procura minorile di Firenze, le due ragazze sono state deferite per il possesso ingiustificato dei due cacciavite e sono state collocate, in ragione della loro minore età, anche con l’interessamento dei Servizi Sociali, presso una idonea struttura in attesa di determinazioni della competente Autorità Giudiziaria.