Cronaca
Inchiesta

Tagli alle postazioni del 118, Gandola: “Nel Chianti effetti nefasti”

Nelle prossime settimane sarà deliberato il taglio delle postazioni territoriali delle ambulanze con il medico a bordo e per la Piana Fiorentina e per l’area del Chianti sarà un duro colpo

Tagli alle postazioni del 118, Gandola: “Nel Chianti effetti nefasti”
Cronaca Chianti fiorentino, 11 Aprile 2022 ore 12:26

“Nelle prossime settimane sarà deliberato il taglio delle postazioni territoriali delle ambulanze con il medico a bordo e per la Piana Fiorentina e per l’area del Chianti la riforma sarà davvero nefasta. Questo è l’ultimo appello ai sindaci affinché scendano in campo per difendere il servizio. Le amministrazioni comunali non possono stare in silenzio e devono scendere in campo duramente contro la de-medicalizzazione selvaggia che la Regione Toscana intende attuare”.

Così si esprime Paolo Gandola, consigliere metropolitano Forza Italia - centrodestra per il cambiamento che torna ad occuparsi dell’annoso tema della riforma dei punti di emergenza territoriali dislocati suo territorio dell’area metropolitana.

“Come noto, spiega il consigliere metropolitano, la regione Toscana intende diminuire da 80 ad almeno 50 i punti di emergenza territoriale dove attualmente è presente il medico a bordo delle ambulanze. Molti di questi saranno sostituiti dalla presenza del solo infermiere. Per quanto  riguarda l’area della Piana Fiorentina, dopo la scomparsa del medico dal Pet di Campi (già sostituito con la sola presenza dell’infermiere, con il favore del sindaco e dell’assessore) nel mirino ora vi sono anche i medici presenti al punto territoriale di Sesto Fiorentino.  L’obiettivo, infatti, è introdurre una sola ambulanza medicalizzata per tutta l’area della Piana, praticamente da Malmantile a Monte Morello, ma al momento non sappiamo quale sarà il Comune e l’esatto punto di partenza. Il sindaco di Sesto Fiorentino come può ancora rimanere in silenzio?

Allo stesso modo nel Chianti, l’obiettivo sarebbe ridurre da 3 a 1 le ambulanze medicalizzate, oggi presenti a San Casciano, Tavarnelle e Greve in Chianti. Come è possibile che i Sindaci non abbiano nulla da dire? Dopo le discussioni degli ultimi mesi, ricorda Gandola, ora la riforma, sembrerebbe pronta ad entrare in vigore di fatto completando lo smantellamento della rete territoriale di emergenza, con la scusa della carenza dei medici.

Nell’area della Piana a Campi, Sesto, Calenzano e le Signe pare che con il nuovo sistema riformato  vi sarà la presenza di ambulanze con a bordo solo l’infermiere e sarà introdotta un’unica automedica  (con un medico e un infermiere a bordo) che coprirà tutta l’area vasta della Piana. Per decidere da quale comune partirà l’automedica l’Asl effettuerà una sperimentazione.

Da Forza Italia proviene un netto No a questa riforma, sono anche gli stessi sindacati sanitari a contestare la riforma dei punti di emergenza territoriali e della riduzione del personale sanitario in tutte le fasi dei processi e dei percorsi sanitari, anche per le patologie tempo dipendenti come l’ictus, l’infarto e il trauma maggiore. Gli stessi hanno poi lamentato come la cronica carenza di medici, non sia mai stata affrontata in maniera efficace dalle amministrazioni dei vari livelli tramite una seria politica di assunzioni e turn-over. I sindaci non possono rimanere in silenzio e devono scendere in campo per tutelare la sicurezza sanitaria delle loro comunità”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter