Cronaca
L'operazione

Sul Tir col tachigrafo alterato: la Polizia di Siena multa il camionista (e la sua ditta)

La Polizia Stradale di Siena, sul raccordo Firenze-Siena, ha beccato un camionista che guidava con marchingegno che alterava il funzionamento del tachigrafo del Tir: pesante multa per lui e per la ditta per la quale lavora.

Sul Tir col tachigrafo alterato: la Polizia di Siena multa il camionista (e la sua ditta)
Cronaca Siena, 22 Gennaio 2022 ore 09:54

La Polizia di Stato ha sequestrato, durante un servizio di pattugliamento sul Raccordo Autostradale Firenze- Siena, un congegno elettronico capace di alterare la registrazione dei dati di velocità e i tempi di guida di un TIR  proveniente dalla Basilicata.

In viaggio sul raccordo con la strumentazione manomessa, beccato dalla Polizia di Stato di Siena

Il conducente, un giovane camionista, ha tentato fino all’ultimo di nascondere l’inganno, ma gli esperti agenti della  Polizia Stradale di Siena, dopo il controllo di routine dei documenti e della merce, hanno approfondito  l’accertamento anche su alcuni dei dati che il sistema del tachigrafo registra: velocità e ore di guida.

Si sono, quindi, accorti, che il sistema di rilevamento dei dati montato su quel camion consumava troppa corrente  rispetto alla norma e, dopo un’accurata ispezione, hanno scovato un congegno elettronico che, attraverso l’impiego di  un telecomando azionato dal conducente, faceva figurare il camion fermo, mentre in realtà era in viaggio, e  registrare velocità e tempi di guida e riposto a suo piacimento.

Davanti all’evidenza il camionista non poteva far altro che confessare e accettare la pesante multa di quasi 1.700  euro, la sospensione della patente fino a tre mesi, la decurtazione di 10 punti e, infine, il sequestro del marchingegno. Stessa contravvenzione è stata emessa anche alla ditta proprietaria del TIR, responsabile di avere permesso la pericolosa macchinazione.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter