Menu
Cerca
Le parole del sindaco

Stazione radio base a Staggia, rassicurati i cittadini

Bussagli: “Lavori supportati dalle certificazioni necessarie a garantire la tutela della salute. La realizzazione di questi impianti corrisponde a motivi di interesse pubblico sanciti dal Ministero e di cui tutti ci rendiamo conto. Indispensabile e doveroso rassicurare tutti”

Stazione radio base a Staggia, rassicurati i cittadini
Cronaca Chianti senese, 27 Febbraio 2021 ore 16:10

L’amministrazione comunale interviene sull’installazione a Staggia Senese, in via del Pollaiolo, di una stazione radio base Wind Tre . “Lavori che sono supportati dalle certificazioni necessarie a garantire la tutela della salute dei cittadini e si svolgono nel pieno rispetto delle norme previste a partire da quelle di livello nazionale”, dice il sindaco David Bussagli.  Le antenne per la telefonia mobile sono da qualificare come opere private di pubblica utilità e in quanto tali sono annoverate a opere di urbanizzazione primaria la cui realizzazione corrisponde a motivi di pubblico interesse.

“In questa circostanza, come in altre che hanno riguardato il nostro territorio, la società ha richiesto e ottenuto la disponibilità dell’area pubblica in questione per realizzare un impianto di telecomunicazione in grado di garantire copertura ai sistemi di telefonia mobile nella zona”, prosegue il primo cittadino. Come previsto dalla normativa, sul progetto è stata richiesta la valutazione di Arpat che ha fornito parere positivo per valori inferiori ai limiti previsti dalla legge per tutti gli indicatori previsti: limite di esposizione, valore d’attenzione e obiettivo di qualità. Inoltre, fa parte della valutazione Arpat anche l’indicazione dell’obbligo per il gestore di eseguire verifiche strumentali entro 30 giorni dall’attivazione per come previsto dalla normativa che dispone ad esempio che le misurazioni siano effettuate tenendo conto della massima potenza emissiva dell’impianto, anche solo teorica, e che comprendano tutte le sorgenti presenti in zona che concorrono in maniera significativa all’impatto elettromagnetico.

“I criteri di sicurezza previsti dalla vigente normativa – prosegue il sindaco – sono assolutamente stringenti e il parere positivo di Arpat, oltre ad essere precondizione irrinunciabile sotto tutti gli aspetti, rassicura tutti sul piano della tutela della salute. Altrettanto irrinunciabile è il rispetto delle norme e la congruità del progetto con tutta la materia urbanistica e quindi con i vincoli presenti, laddove ci sono”.

“La nostra è una comunità di trentamila persone con scuole, servizi e un forte e importante tessuto imprenditoriale e produttivo. La presenza di impianti di questa tipologia è diffusa su tutto il territorio, anche in contesti urbani densamente popolati”. In tutta la provincia di Siena questi impianti sono oltre 1000 (1193) e ben cento sono state le istallazioni autorizzate da Arpat con parere favorevole nel 2019.  “D’altronde – chiude il sindaco – non è solo il Ministero che riconosce la pubblica utilità degli impianti di reti di comunicazione. Sappiamo bene che queste tecnologie sono assolutamente indispensabili per garantire servizi ormai basilari per le persone e le attività. Dispiace per l’apprensione che si è generata. Sull’aspetto prioritario relativo alla tutela della salute è indispensabile e doveroso fornire tutte le rassicurazioni necessarie”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli