Menu
Cerca
poggibonsi

Staggia, buche e dislivelli ovunque. I marciapiedi? Un percorso ad ostacoli

Tante le proteste dei cittadini per una questione annosa già denunciata più volte all’Amministrazione.

Staggia, buche e dislivelli ovunque. I marciapiedi? Un percorso ad ostacoli
Cronaca Val d'Elsa, 01 Maggio 2021 ore 14:01

Un percorso ad ostacoli affermano alcuni staggesi quello che sono costretti a fare sui marciapiedi del centro storico. Nello specifico si tratta dei marciapiedi della parte interna della frazione nella vecchia via Romana, ovvero la ex Cassia. Una delle strade della frazione più transitate dai mezzi.

Ogni giorno sono numerose le macchine, ma anche i Tir e bili che sono costretti a passare da quella strada, con la problematica della quasi totale assenza di un marciapiede.
A confermare questa situazione è un residente della zona, Pino Pini «i marciapiedi di via Romana sono in condizioni fatiscenti. Non so a che periodo risalgono, come fattura sembrano addirittura dei primi del ‘900. Sono solo sicuro che il palazzo adiacente al marciapiede è del 1813. Come memoria storica di ciò che mi viene riportato sono a conoscenza del fatto che questi marciapiedi non ha mai visto lavori, neanche piccole risistemazioni. Sono sempre stati quelli. Basta parlare anche con alcuni anziani residenti a Staggia o famiglie che abitano qui da intere generazioni ed arriva la conferma che sono sempre stati questi e negli ultimi decenni sono in condizioni pietose. Tra l’altro in zona abitano anche delle persone anziane con delle disabilità, alcuni di loro si sono dovuti costruire a spese proprie gli scivoli per salire sul marciapiede per poter entrare nella propria abitazione».

Questo, insieme ad altri argomenti, è una delle tematiche sulle quali anche il nuovo comitato civico «Staggia C’è» sta lavorando, per proporre una soluzione direttamente all’Amministrazione comunale.

«Da quando abito qui – ha continuato Pino Pini – non ho mai visto un operaio lavorare su questi marciapiedi. A Staggia siamo quasi tutti imparentati e nel solito palazzo spesso ci abitavano cugini e fratelli. Per questo è anche facile ricostruire gli interventi. Tutti confermano che mai niente è stato fatto. Ho provato ad interpellare anche mia madre, che mi ha confermato che non c’è mai stata una ristrutturazione. C’è anche da sottolineare il fatto che via Romana è proprio davanti alla Rocca. Se apro la finestra di casa mia ho davanti a me la torre maschio, la torre femmina, la Rocca e le mura. Il marciapiede serve anche per raggiungere questo bene culturale. Sarebbe, quindi, doveroso averne cura. Siamo dimenticati, basta spostarsi un po’ da questa via e raggiungere i giardini, anche quelli sono in condizioni pietose. Nella nostra zona, ovvero la parte vecchia di Staggia sembra di essere nei quartieri spagnoli di Napoli, con tutto il rispetto per i quartieri spagnoli. I marciapiedi sono sbriciolati e sono anche stretti. Non hanno la grandezza neanche per far passare due persone e sono alti da terra poco più di un centimetro».
La richiesta è quella di prendere in carico la questione e cercare una soluzione il più immediata possibile per il rifacimento dei marciapiedi aumentando la grandezza, così da mettere in sicurezza il passaggio pedonale per via Romana.