Scappano per saltare la scuola: ore di apprensione per tre ragazzini

E' accaduto al “Centro Lorenzo Mori”, dove una cooperativa sociale si occupa di minori in difficoltà. Ritrovati sani, salvi e pentiti tra i Comuni di Montepulciano e di Trequanda

Scappano per saltare la scuola: ore di apprensione per tre ragazzini
23 Marzo 2019 ore 11:25

È stato un inizio di giornata particolare quello di stamattina in località Gugliano di Trequanda, presso il “Centro Lorenzo Mori”, dove una cooperativa sociale si occupa di minori in difficoltà, o che in generale non possano, per qualche motivo, contare sulla figura dei genitori, per poter iniziare il loro percorso educativo e di vita. Anche stamattina un folto gruppo di bambini e adolescenti doveva prendere lo scuolabus per recarsi presso gli istituti scolastici frequentati ma, con grande rapidità, tre ragazzini che volevano “far vela” e marinare l’impegno scolastico in questa luminosa giornata di primavera, forse per gioco o per qualche altro motivo ancora non confessato, hanno piantato in asso l’addetta alla loro sorveglianza e si sono precipitati all’interno di un ampio bosco, collocato fra i Comuni di Montepulciano e di Trequanda. Si trattava di un senegalese di 14 anni e di due italiani di 12 e 11.

Immediato l’allarme

Scattava immediatamente l’allarme e giungevano sul posto in pochi minuti ben 5 pattuglie dei carabinieri della Compagnia di Montepulciano. In questi casi la rapidità è fondamentale e, mentre si procedeva a organizzare attraverso la Prefettura di Siena, l’intervento di tutta una serie di soggetti istituzionali, in attesa dei rinforzi, si procedeva comunque alle ricerche, nella speranza che quei bambini non si fossero inoltrati troppo nel bosco, coi pericoli che ne potevano conseguire.

Ritrovati sani e salvi

Così per circa due ore di rastrellamento, col concorso dei soci della cooperativa e di qualche volontario, veniva battuta l’area boschiva, con tutti i timori dovuti alla natura impervia di quell’area, alla presenza di crepacci e di specchi d’acqua, fino a quando uno dei battitori non avvistava i tre fanciulli che, alla vista dei carabinieri comprendevano di averla fatta grossa e si lasciavano raggiungere, esibendo comunque evidenti espressioni di pentimento e di rammarico. Non era pertanto necessario il costoso concorso di ulteriori forze, che non verranno così fatte convergere sul posto. I ragazzini sono tornati al centro dopo qualche paternale, che si spera li indurrà per il futuro a maggior senso di responsabilità e prudenza.

Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità