IMPRUNETA

Rifiuti speciali nel corso d’acqua affluente del Fosso dei Tre Fossati

Dopo le indagini sono state denunciate due persone. Avevano buttato 140 chilogrammi di rifiuti, in parte costituiti da fanghi e polveri, in parte in soluzione liquida.

Rifiuti speciali nel corso d’acqua affluente del Fosso dei Tre Fossati
Chianti fiorentino, 28 Ottobre 2020 ore 10:50

Militari della Stazione Carabinieri Forestale di San Casciano in Val di Pesa (FI), hanno eseguito una serie di accertamenti in via Codacci nel Comune di Impruneta (FI), a seguito di segnalazione ricevuta dalla locale Stazione CC.
I militari intervenuti sul posto hanno accertato lo sversamento, deposito/abbandono di rifiuti, costituiti da polvere grigiastra maleodorante, nel corso d’acqua affluente del Fosso dei Tre Fossati. Per la caratterizzazione dei rifiuti rinvenuti, è stato contattato il personale dell’Arpat del Dipartimento di Firenze, che ha provveduto a prelevare campioni del materiale sversato per le successive analisi.
Terminati i prelievi, i CC forestali, al fine di evitare che il materiale rinvenuto, costituente corpo del reato, potesse essere disperso, con inevitabili danni ambientali al corso d’acqua e all’ambiente circostante, lo ha posto sotto sequestro penale. Si trattava di 140 chilogrammi di rifiuti, in parte costituiti da fanghi e polveri, in parte in soluzione liquida.

Successivamente sono stati resi noti gli esiti delle analisi dei campioni prelevati che hanno attribuito ai rifiuti le caratteristiche di pericolo “HP 14” (ecotossico), evidenziando che gli stessi potessero derivare da lavorazioni svolte in carrozzerie o nel comparto del legno. Tale caratteristica si applica ai rifiuti, in particolare, che contengono una o più sostanze classificate come altamente tossiche per l’ambiente acquatico.
L’area, dove sono stati depositati/abbandonati i rifiuti, è accessibile solo da una pista campestre delimitata da una catena chiusa con un lucchetto, le cui chiavi sono tenute dai vari proprietari dei terreni ed è raggiungibile esclusivamente con veicolo fuoristrada a quattro ruote motrici.

Le indagini accurate svolte dai militari hanno permesso di individuare i due autori dello sversamento, deposito e abbandono di rifiuti pericolosi, risultati titolari di una carrozzeria.
Sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria, per gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi in base al Testo Unico Ambientale (T.U.A.). Il tempestivo intervento e l’intuito investigativo dei militari hanno evitato il verificarsi di danni consistenti all’ambiente acquatico in prossimità del quale era avvenuto il deposito illecito.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità