Rapina aggravata, arrestato 46enne

La refurtiva appena 60 euro.

Rapina aggravata, arrestato 46enne
Cronaca Siena, 12 Luglio 2019 ore 10:05

Rapina aggravata. Per quanto si possa pensare che la propria banca sia generosa e conceda fiducia, insomma che la propria banca sia diversa, è ben difficile ritenere che sia possibile un prelievo di danaro in un istituto di credito presso il quale solo molto tempo prima si possedeva un conto corrente.

Rapina aggravata, nei guai 46enne senese

Ne ha avuto la riprova un 46 enne senese, residente a Monteroni d’Arbia, con qualche precedente denuncia a carico per reati di natura predatoria. Recatosi presso una filiale bancaria del luogo, vantando di essere un correntista d’antan, alla richiesta di prelevare veniva rimbalzato con garbo formale ma senza troppi complimenti. Ripresosi dalla cocente delusione decideva di risolvere in proprio. Si recava in un bar del paese e, a volto scoperto, minacciando la barista con un paio di forbici, si faceva consegnare l’incasso, appena 60 euro e si dava a precipitosa fuga per le vie del luogo. La giovane barista aveva già visto quello sgradito cliente da qualche parte e lo descriveva ai carabinieri che accorrevano numerosi anche dalle stazioni vicine.

Caccia all’uomo

Cominciava una caccia all’uomo per le vie del paese, i militari si ingegnavano a chiedere informazioni a destra e a manca ma quell’uomo, il correntista sfortunato, era sparito. Gli uomini dell’Arma non demordevano. Mettendo assieme testimonianze e descrizioni, visto che l’evento aveva abbastanza turbato quella pacifica comunità, si perveniva ad un nome abbastanza conosciuto peraltro dai carabinieri di Monteroni, che cominciavano a indirizzare meglio le ricerche verso amici e parenti del ricercato.

L’arresto

Dopo poche ore dall’evento delittuoso, l’uomo veniva rintracciato e arrestato per rapina aggravata dall’uso di un’arma, impropria come il tentativo di prelievo bancario che l’aveva preceduta. Al carcere di Santo Spirito, in attesa di giudizio e delle contestazioni della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena, egli potrà riflettere sulle ingiustizie del sistema, sulla scarsa fiducia che aveva riscosso, sulla poca considerazione per i vecchi correntisti e su tanto altro ancora, magari anche sull’inopportunità di andare a fare delle rapine per risolvere i propri problemi.

LEGGI ANCHE: TRIBUNALE DI SIENA, I LAVORATORI CHIEDONO INTERVENTO DELLA USL

LEGGI ANCHE: ROCKSTAR INVADONO LA GALLERIA DEGLI UFFIZI

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità