Impruneta Tavarnuzze

Rabbia a Pozzolatico: «Qualcuno ci ascolti»

Tutto ciò che non va: i residenti hanno chiamato a raccolta i politici

Rabbia a Pozzolatico: «Qualcuno ci ascolti»
Chianti fiorentino, 30 Settembre 2020 ore 15:29

Pozzolatico chiama a raccolta la politica per riportare l’attenzione su quei problemi irrisolti da troppo tempo che assillano la frazione sospesa tra il Galluzzo e Impruneta. E’ stato il comitato dei residenti a organizzare presso il circolo ricreativo un incontro con i rappresentanti dei vari partiti che si candidano per un posto al sole alle prossime elezioni regionali e attraverso Stefano Grisieti, uno degli animatori del comitato, illustrare tutte le questioni rimaste aperte. A timbrare il cartellino di presenza Enrico Carpini per Toscana a Sinistra, Tommaso Romagnoli per il Movimento 5 Stelle, Massimiliano Vivoli per Svolta e Vahid Salamat in rappresentanza di Volt, a cui si è aggiunto a metà serataGiacomo Trentanovi, ex sindaco di Barberino, in rappresentanza di Sinistra civica, seguito da Serena Spinelli di Sinistra civica ecologista. Evidente l’assenza del Pd, ma anche quella di Forza Italia e di tutto il centrodestra.

Tema forte della serata ancora una volta l’autostrada e quel rumore del transito dei veicoli che di notte soprattutto torna ad assillare gli abitanti della piccola frazione. «Tutte le sere sono costretta a chiudere le finestre esposte in direzione dell’autostrada – ha detto una signora. Mi chiedo perché il nostro Comune ancora non sia intervenuto e non ci abbia detto più niente sulla soluzione di questo problema». «In alcuni punti Autostrade ha collocato delle barriere antirumore – ha spiegato Grisieti – ma sono alte solo 5 metri e il rumore ci passa di sopra, anzi fanno da cassa di risonanza». Poi c’è la questione dei rilevamenti dell’inquinamento acustico: «La società Spea è tornata a fare le misurazioni – hanno proseguito – ma dei risultati non abbiamo mai saputo più niente e in Comune ci hanno detto di non averli ricevuti».

Le richieste dei residenti non si fermano qui. Resta aperta la questione della curva pericolosa sulla via Imprunetana, per la quale è stata anche chiesta l’installazione di dossi rallentatori e cartelli luminosi, poi c’è la questione del marciapiede tra l’abitato e il circolo ricreativo, promesso a suo tempo dal sindaco Calamandrei e mai realizzato. «Ci hanno anche negato la possibilità di avere una piazza – ha ricordato Grisieti – e nonostante Pozzolatico sia nel verde non abbiamo neanche un giardino con una panchina su cui sederci e un’area verde per far giocare i bambini. Infine da anni ormai qui manca un presidio sanitario, un ambulatorio che faciliti l’accesso alla sanità, senza costringerci a spostarci con l’auto». Richieste al Comune? «Già fatte e non una sola volta». Il sindaco? «E’ da tempo che qui non si vede».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità