Menu
Cerca
CRONACA

Quanto paghiamo di multe? Castellina in Chianti batte tutti

Castellina in Chianti, Sesto Fiorentino, Montecatini Terme. Analizzando i numeri raccolti da “Openpolis”, è questo il podio che emerge mettendo a confronto gli incassi delle multe pro-capite fra le province di Pistoia, Prato, la Piana fiorentina, il Chianti e la Valdelsa.

Quanto paghiamo di multe? Castellina in Chianti batte tutti
Cronaca Siena, 29 Maggio 2021 ore 09:24

E’ un argomento sempre particolarmente discusso ed antipatico per tutti quanti noi perché ci tocca da vicino. Quanto incassano i comuni dalle multe fatte dalla Polizia municipale?
Spesso, infatti, c’è la sensazione di venire quasi vessati quando in realtà, numeri alla mano, le nostre terre sono magari meno indisciplinate di altre, come sembrano confermare i dati dei pagamenti pro-capite dei territori coperti dai nostri settimanali “Giornale di Pistoia e della Valdinievole”, “Bisenziosette”, “Chiantisette” e “Valdelsasette”.

Le rilevazioni di Openpolis

Rilevazioni che sono fornite da Openpolis, fondazione indipendente e senza scopo di lucro, che ha raccolto i dati della stragrande maggioranza dei Comuni italiani aggiornati al 31 dicembre 2019: quella che rappresentiamo, quindi, è la situazione pre-pandemia ma è comunque indicativa per far capire come vanno le cose da queste parti. Una voce, quella degli introiti provenienti da sanzioni, che nei bilanci si trova sotto la dicitura «Proventi derivanti dall’attività di controllo e repressione delle irregolarità e degli illeciti» che fa parte della macro-area “Entrate extra-tributarie”.

Il podio sul territorio
Castellina in Chianti, Sesto Fiorentino, Montecatini Terme.
Analizzando i numeri raccolti da “Openpolis”, è questo il podio che emerge mettendo a confronto gli incassi delle multe pro-capite fra le province di Pistoia, Prato, la Piana fiorentina, il Chianti e la Valdelsa. A Castellina, per esempio, il comune incassa da questo capitolo circa 245mila euro che suddiviso per la popolazione fa un rapporto pro-capite di 87,58 euro che stacca di gran lunga la seconda, Sesto Fiorentino, che si “ferma” a 70,09 euro con una popolazione ben più ampia visto che l’incasso complessivo sfiora i 3 milioni e mezzo di euro. Al terzo posto c’è Montecatini Terme, che risente indubbiamente degli alti flussi turistici (che almeno c’erano ancora nel 2019) con 67,34 euro di speda pro-capite per un incasso per le casse comunali di un milione e 400mila euro.

Chianti e Valdelsa
Analizzando i numeri che arrivano dai territori a metà fra le province di Firenze e Siena, si nota l’incredibile differenza di pagamenti a testa prendendo come raffronto il dato di Castellina in Chianti. Per trovare la seconda in classifica, infatti, bisogna più che dimezzare quella cifra ed arrivare al testa a testa fra Impruneta (41,75 euro) e Bagno a Ripoli (41,72 euro). Da lì, poi, si scende ancora più in basso arrivando ai 28,77 euro pro capite di Colle Val d’Elsa mentre, in termini assoluti, chi incassa di più è sempre Bagno a Ripoli, unico comune del territorio a superare il milione di euro (1.067.976,99). Ma, anche da queste parti non mancano i parsimoniosi visto che la classifica al ribasso è ben fornita: 2,41 euro di spesa pro-capite per le multe a Certaldo, 1,62 euro a Barberino Tavarnelle e addirittura soltanto 0,81 euro per Gambassi Terme.

I casi nel resto d’Italia
Analizzando tutti i numeri forniti dal database di “Openpolis” si vede come in testa alla classifica, a fine 2019, di chi ha la spesa pro-capite più alta sia Colle Santa Lucia, paese di 350 abitanti in provincia di Belluno: qui si arriva a 1.516,74 euro a testa pagati in un anno davanti a Roseto Capo Spulico (Cosenza) e Carrodano (La Spezia) mentre ci sono tantissime realtà che vedono abitanti versare mediamente un centesimo a testa.

Per quanto concerne le grandi città, invece, Milano è al comando della classifica con 128,04 euro pro-capite derivanti dalle sanzioni e attività di controllo che supera, di poco, sia Firenze (125,17) e Bologna (120,61) mentre, guardando al contrario, quella che incassa di meno è Messina con appena 16 euro e Padova è il Comune, fra le città medio-grandi, dove le entrate per multe e sanzioni pesano maggiormente nel bilancio per un 6.46% del totale.