Cronaca
San Casciano in Val di Pesa

Poste di Cerbaia, entro marzo la riapertura

Intanto proseguono i lavori della ditta edile per il ripristino dei locali. I cittadini potranno rivolgersi agli uffici più vicini.

Poste di Cerbaia, entro marzo la riapertura
Cronaca Chianti fiorentino, 20 Marzo 2022 ore 10:01

«Poste italiane sta lavorando in modo impegnativo per la riapertura degli uffici di Cerbaia nel più breve tempo possibile. Da subito ci siamo mossi per reperire i fondi necessari e per lo stanziamento degli stessi. Stiamo agendo in questa prospettiva». Scrivevamo così su queste pagine un mese fa. Adesso una data c’è. Entro marzo ci sarà la riapertura dei locali di via Empolese così come del punto Atm. A farlo sapere è l’ufficio stampa di Poste italiane che, contattato dalla nostra redazione, ha chiarito circa i tempi di riapertura della filiale, ormai chiusa da novembre in seguito ad un furto.

«I lavori sono in corso quotidianamente per il ripristino degli ambienti, così come del bancomat. La ditta edile sta lavorando e i tempi sono certi», hanno fatto sapere ancora dall’ufficio stampa di Poste italiane.
Come successo in questi mesi gli utenti di Cerbaia dovranno rivolgersi agli uffici postali più vicini come quello de La Romola, San Casciano, Ginestra Fiorentina o San Pancrazio. Insomma, bisognerà portare ancora un po’ di pazienza.

Gli uffici sono chiusi dal mese di novembre
E’ la notte tra sabato e domenica 7 novembre quando a Cerbaia un boato ha squarciato la notte. Sono appena le due. Un gruppo di malviventi ha fatto saltare letteralmente il bancomat delle Poste in via Empolese. Colpo, però, che è rimasto solo un tentativo. Oltre al punto di prelievo, tuttora non funzionante, sono andati in frantumi anche i vetri del primo piano dell’immobile di via Empolese.

I malviventi dopo alcune settimane sono stati catturati dai Carabinieri in collaborazione con la Polizia Stradale di Arezzo, che hanno fermato la loro corsa sull’Autostrada A1 in direzione Foggia. Sono stati i fotogrammi delle telecamere di sorveglianza (come si vede dalle foto) a raccontare la vicenda. A mettere in pratica l’esplosione sono in due. Hanno utilizzato un involucro di metallo a forma di “T” contente esplosivo, la cosiddetta “marmotta”, prima l’hanno introdotta all’interno dello sportello ATM, poi l’esplosione. Sono però scappati a mani vuote. Nella giornata del 28 novembre i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Firenze, infatti, supportati dai colleghi delle Compagnie di Foggia e Cerignola (FG), a conclusione di una rapida attività investigativa condotta per il contrasto ai furti aggravati ai danni di istituti di credito mediate l’utilizzo di esplosivi collocati nei bancomat, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, nei confronti di 3 persone, tutte originarie della provincia di Foggia, ritenute responsabili degli assalti ai bancomat di una filiale bancaria di Firenze e di un ufficio postale della provincia.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter