CRONACA

Poggibonsi, si implementa la rete ciclabile. In arrivo il tratto dalla “stradina verde” alla stazione

Gambassi: “Prosegue l’impegno per implementare i percorsi con nuovi tratti e connessioni. In questo caso si unisce la l’area di largo Campidoglio con il sottopasso di via Vallepiatta, la porta per un nuovo accesso al centro della città”

Poggibonsi, si implementa la rete ciclabile. In arrivo il tratto dalla “stradina verde” alla stazione
Siena, 14 Novembre 2020 ore 09:22

Progetto approvato per un ulteriore tratto di collegamento tra le piste ciclabili della città. “Un percorso che prosegue e che si pone l’obiettivo di implementare la rete ciclabile e pedonale a disposizione, con nuovi tratti e connessioni”, commenta l’assessore all’Ambiente e alla Mobilità Roberto Gambassi. Il progetto in questione è cofinanziato con 50mila euro da parte della Regione Toscana su apposito bando e interessa l’area di largo Campidoglio verso Vallepiatta. “Di fatto questi lavori – spiega l’assessore – consentiranno di risolvere in chiave di mobilità pedonale e ciclabile uno snodo importante, riunendo la frequentatissima “stradina verde” posta sull’argine opposto con i percorsi esistenti e con il sottopasso di via Vallepiatta e tutta l’area della stazione. La porta per un nuovo accesso al centro della città. Un intervento che rientra in un impegno più vasto per concretizzare un unico sistema a rete per la mobilità scuola-lavoro-casa-tempo libero che cambierà la fruizione della città, con inevitabili benefici sociali, ambientali ed economici”.

Il dettaglio dei lavori

Nel dettaglio la soluzione progettuale approvata e finanziata prevede la realizzazione di un percorso promiscuo pedonale e ciclabile di collegamento che muove dal ponte sullo Staggia e procede in senso antiorario. È previsto l’allargamento dell’attuale camminamento pedonale sui giardini di via Montegrappa, dal ponte fino all’attraversamento esistente. Da lì il percorso proseguirà all’interno del parcheggio, occupando parte della sede destinata agli stalli di sosta, e quindi fino a via della Libertà. Di qui, attraversata la strada a senso unico, si procederà parallelamente alla stessa, fino al sottopasso, oltrepassando con un ulteriore attraversamento la strada senza uscita posta parallelamente al sottopasso stesso. In fase progettuale sono state eseguite le dovute valutazioni, prima di tutto in termini di sicurezza stradale. Sono stati inseriti nel progetto specifici interventi per il miglioramento della visibilità degli attraversamenti ciclo pedonali, nonché per la separazione netta tra la sede destinata al percorso ciclo pedonale e quello destinato alla viabilità carrabile tramite appositi delimitatori di corsia, nel rispetto della normativa e del Codice della Strada.

“L’intervento in questione segue a stretto giro i lavori realizzati sul marciapiede del ponte di largo Campidoglio – dice Gambassi – Anche in questo caso l’obiettivo è stato quello di migliorare il collegamento fra i tratti presenti e allungare di fatto il percorso già presente nei giardini di via Montegrappa, a sua volta collegato a quello casa-scuola-lavoro realizzato nell’area di via della Costituzione nell’ambito del progetto Mosaico. L’impegno generale è quello di ottenere un miglioramento della fruibilità di marciapiedi e percorsi pedonali urbani creando reti ciclabili ben definite e protette. Un modo per promuovere la mobilità urbana ciclo pedonale negli spostamenti quotidiani e quindi le buoni abitudini, la sostenibilità ambientale e la vivibilità degli spazi. In tal senso l’area di largo Campidoglio è uno snodo cruciale perché vicina all’area di via Redipuglia recentemente riqualificata, a tutta l’area adiacente a via della Costituzione, oggetto proprio di un intervento volto a creare percorsi protetti, all’area di Vallepiatta e del centro cittadino”. Il progetto in questione ha un costo complessivo di 62mila euro e si pone l’obiettivo di promuovere la mobilità urbana sostenibile anche in chiave di risposta all’emergenza sanitaria.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità