Maxi evasione fiscale di oltre 3,2 milioni di euro

L'azienda opera nel settore vitivinicolo.

Maxi evasione fiscale di oltre 3,2 milioni di euro
Cronaca Siena, 11 Ottobre 2019 ore 10:27

Maxi evasione fiscale: il lavoro della Guardia di Finanza a tutela degli interessi Erariali ha permesso di eseguire un’importante attività di polizia tributaria nel comparto della produzione e commercializzazione del vino.

Maxi evasione fiscale: coinvolta un’azienda che produce e commercializza vino

La posizione del contribuente è emersa nell’ambito di autonoma attività di servizio appropriatamente svolte dalle Fiamme Gialle di Siena grazie all’efficace dispositivo di controllo economico del territorio approntato e all’indispensabile analisi di rischio condotta dai militari con l’ausilio delle banche dati in uso al Corpo. In questo modo è finita nel mirino dei finanzieri una società specializzata in attività di produzione del vino ed operante in Valdichiana che, dal 2014 al 2018, ha omesso di dichiarare un’ingente parte di costi per oltre 3.200.000 euro abbattendo in tal modo la base imponibile tassabile.

Approfondimenti ed indagini

I finanzieri hanno provveduto ad acquisire tutta la documentazione contabile ricostruendo in modo puntuale l’importo realmente dovuto al fisco. L’approfondita attività ispettiva, così condotta dai militari, ha consentito di scoprire il “sottile stratagemma” a cui ricorreva l’azienda: si dichiarava agricola per poter usufruire del relativo trattamento fiscale di favore previsto dalla normativa fiscale. Gli investigatori delle Fiamme Gialle, grazie ad un’attenta disamina della normativa di settore, hanno dimostrato come, in realtà, il soggetto economico esercitasse un’attività a tutti gli effetti commerciale e che pertanto non avrebbe potuto avvalersi delle disposizioni normative fiscali di vantaggio appositamente riservate al settore agricolo.

Partita la segnalazione all’Ufficio finanziario

Il soggetto è stato prontamente segnalato all’Ufficio finanziario competente che, condividendo appieno i rilievi formulati dai militari, ha avviato le conseguenti procedure sanzionatorie e di recupero a tassazione di quanto dovuto.  L’attività posta in essere rientra nelle funzioni di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza, volte al contrasto all’economia sommersa e, più in generale, all’evasione fiscale che sottrae importanti risorse economiche allo Stato, produce effetti negativi per l’economia, ostacola la normale concorrenza fra imprese e, oltretutto, accresce il carico fiscale nei confronti dei cittadini e degli imprenditori onesti. Contrastare l’evasione fiscale significa, in sintesi, garantire un fisco più equo e proporzionale all’effettiva capacità di ognuno e ripristinare le necessarie condizioni di giustizia e solidarietà tra Stato e cittadini.

LEGGI ANCHE:Caporalato agricolo: denunciate due persone in stato di libertà

LEGGI ANCHE:Rissa e aggressione nel carcere di Prato

TORNA ALLA HOME PAGE

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità