CASOLE D'ELSA

Lavorava in un cantiere, ma doveva essere in carcere

Sull'uomo pendeva un ordine di carcerazione in quanto precedentemente condannato dal Tribunale di Chieti per aver commesso tutta una serie di furti aggravati.

Lavorava in un cantiere, ma doveva essere in carcere
Cronaca Val d'Elsa, 27 Novembre 2020 ore 14:15

“Nei giorni scorsi, durante uno dei molteplici servizi per la tutela della sicurezza pubblica e, soprattutto, vista l’attuale emergenza, di controllo del rispetto delle normative anti covid, i Carabinieri di Casole d’Elsa procedevano a verificare il rispetto di tali regole nei confronti di alcuni operai edili provenienti da Prato, i quali si trovavano a lavoro nel Comune di Casole d’Elsa per la posa della fibra”.

I militari, mentre si trovavano ad operare, si insospettivano dall’atteggiamento tenuto dagli operai e, pertanto, decidevano di effettuare un controllo più approfondito e particolareggiato. In quel frangente emergeva che sul conto di uno dei quattro, tale D.A.M. di anni 32 cittadino Rumeno, domiciliato a Prato pendeva un ordine di carcerazione in quanto precedentemente condannato dal Tribunale di Chieti per aver commesso tutta una serie di furti aggravati.

L’uomo, pertanto, veniva condotto dai Carabinieri di Casole presso la casa circondariale di Siena, a disposizione della Procura della Repubblica di Siena”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità