Fiamme Gialle

La Finanza pizzica cinque pluripregiudicati provenienti da fuori Toscana

Nell’ambito di un controllo al casello A1/Valdichiana, domenica notte le Fiamme gialle hanno fermato una auto con a bordo cinque soggetti destinati al sud Italia

La Finanza pizzica cinque pluripregiudicati provenienti da fuori Toscana
Siena, 27 Maggio 2020 ore 10:12

Prosegue senza sosta l’attività di controllo del territorio posta in essere dalle Fiamme Gialle senesi. In questo periodo in cui si sta gradualmente tornando alla normalità, ancor maggiore senso di responsabilità è richiesto a tutti i cittadini, poiché come più volte sottolineato dalle autorità, questo non è un via libera tutti, ma un periodo di convivenza con il virus. In tale ottica il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Siena sta protraendo i controlli in tutta la provincia finalizzati a prevenire qualsiasi comportamento che possa rivelarsi non conforme alle misure di contenimento del contagio previste in linea con le ultime disposizioni nazionali e regionali. In particolare l’attenzione è ora focalizzata sugli spostamenti extraregionali a sul controllo finalizzato a prevenire assembramenti in particolar modo nei luoghi di aggregazione.

Nell’ambito delle attività di controllo effettuate nel fine settimana, un dispositivo delle fiamme gialle operante in Val di Chiana, all’uscita del casello A1/Valdichiana, durante la notte di domenica ha fermato una auto con a bordo 5 soggetti tutti residenti fuori regione, e destinati al sud Italia. Alla domanda dei militari sulla motivazione dello spostamento extraregionale i soggetti controllati hanno addotto motivazioni assolutamente non conformi alle previste casistiche, ovvero non hanno comprovato esigenze lavorative, assoluta urgenza e motivi di salute, così come disposto dall’ultimo D.L. 33 del 16/05/2020, a giustificazione della loro presenza in Toscana.

Il comportamento dei soggetti, ha peraltro insospettito i militari operanti, che tramite costante contatto con la Sala Operativa del Corpo hanno appreso come tutti e 5 i soggetti avessero “alle spalle” diversi e numerosi precedenti penali per truffa, contrabbando, resistenza a pubblico ufficiale, rapina, associazione per delinquere. Uno di loro era stato scarcerato soltanto nel dicembre 2019, dopo un periodo di detenzione in carcere di tre anni. Il minuzioso controllo dell’autovettura in cui viaggiavano le persone controllate non ha fatto emergere alcuna irregolarità.

In considerazione dell’ingiustificato spostamento fuori regione, tutti e 5 i soggetti sono stati sanzionati come previsto dall’art. 4 comma 1 del D.L. 25 marzo 2020 n.19 che prevede l’irrogazione in capo ad ogni soggetto di una sanzione amministrativa da 533 a 4.000 euro, in quanto la violazione è avvenuta mediante l’utilizzo del veicolo e quindi aumentata di un terzo.

L’opera di prevenzione e repressione, coerentemente alle linee di indirizzo impartite dall’autorità di governo, e demoltiplicate dal Comando Generale della Guardia di Finanza su tutto il territorio nazionale, rimarcano ancora una volta, il costante presidio attuato dai finanzieri senesi a tutela della collettività su tutto il territorio di competenza.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità