Insulti e spinte al controllore autobus, denunciato 25enne albanese

E' successo a Poggibonsi, sulla linea extraurbana 130.

Insulti e spinte al controllore autobus, denunciato 25enne albanese
Val d'Elsa, 13 Settembre 2019 ore 09:20

Insulti e spinte al controllore autobus. Non è sicuramente facile il mestiere del verificatore di biglietti dei servizi pubblici di trasporto passeggeri: capita d’incontrare di tutto.

Insulti e spinte al controllore: poi scappa

Ieri sera, un 30enne senese, impiegato della Tiemme, ha chiamato il 112 per chiedere soccorso. Viaggiando sulla linea extraurbana 130, a Poggibonsi, essendosi rivolto a uno straniero, apparentemente originario dell’est Europa e avendo da questi ricevuto un rifiuto ad esibire il titolo di viaggio, gli ha chiesto i documenti per redigere un verbale di sanzione amministrativa. Lo straniero però, dopo aver pesantemente insultato con arroganza e spintonato malamente il controllore, si è dato alla fuga.

L’intervento dei Carabinieri

L’intervento dei Carabinieri della Stazione di Poggibonsi è stato però immediato e la descrizione del fuggitivo molto puntuale, una camicia gialla non poteva che attirare l’attenzione dei militari che rintracciavano e catturavano un 25enne albanese, domiciliato a Colle di Val D’Elsa, che veniva poi riconosciuto dal pubblico ufficiale che aveva fornito precise indicazioni ai carabinieri.

La denuncia

Il responsabile sarà oggi denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena per Violenza a Pubblico Ufficiale. Il c.d. controllore di un’azienda di trasporto riveste infatti la qualifica di pubblico ufficiale, in ragione dell’attribuzione di poteri autoritativi e certificativi, individuati nelle funzioni di accertamento dell’infrazione, di identificazione personale dell’autore della violazione e di redazione del relativo verbale di accertamento, attribuiti da norme di legge, nazionale e regionale.

LEGGI ANCHE: DETENUTO DA’ FUOCO ALLA CELLA NEL CARCERE DI RANZA

LEGGI ANCHE: FINE SETTIMANA ALLA RISCOPERTA DELLE PIAZZE DEL TERRITORIO DA FESTA IN FESTA