Menu
Cerca
Poggibonsi

File e ingorghi: che caos questi tamponi

File e ingorghi sulle vie Così il test è diventato un incubo per molti cittadini

File e ingorghi: che caos questi tamponi
Cronaca Siena, 26 Febbraio 2021 ore 16:06

Nella giornata di martedì molti valdelsani si sono trovati bloccati in un ingorgo che non si vedeva dai tempi dei lavori al ponte di collegamento tra la città e l’eterna «avversaria» Colle. Il traffico veicolare tra le due città è consistente ogni giorno. Dettato da spostamenti lavorativi, scolastici e per le compere. I motivi dell’imbottigliamento di martedì, però, sono da cercare altrove. La causa delle file delle automobili è stata creata dagli spostamenti al drive per effettuare i tamponi, che si trova presso l’Ospedale di Campostaggia a metà strada tra le due città. Nel momento in cui furono chiusi i due ospedali fu prevista la zona di Campostaggia per la costruzione del nuovo presidio, proprio per non far torto a nessuna delle due città, anche se collocato effettivamente nel territorio comunale poggibonsese, ma di fatto a metà strada. Molti automobilisti si sono trovati costretti a fare il classico giro pesca, passando da Ponte Mattoni o dalla Siena-Firenze. Sembrerebbe, infatti, che nella solita fascia oraria siano stati dati molti appuntamenti, in particolar modo a molte classi che si trovano in quarantena. Per accedere al centro tamponi occorre entrare nella corsia dedicata al pronto soccorso, con la possibilità di accedere da due vie, entrambi dedicate al rallentamento. La fila ha fatto sì che le macchine si riversassero anche sulla normale via di passaggio. L’azienda sanitaria risponde facendo presente che al di là dello sforzo logistico con il supporto anche della Polizia municipale i disagi potrebbero ripetersi anche nei prossimi giorni. La Lega è intervenuta sulla questione criticando aspramente l’organizzazione. «Molti cittadini che avevano programmato visite presso l’ospedale di Campostaggia o avevano necessità di recarsi al pronto soccorso, hanno avuto grandi difficoltà ed in alcuni casi sono stati di fatto impossibilitati ad accedere all’ospedale per il maxi ingorgo di auto dovuto alla totale mancanza di organizzazione». I consiglieri di opposizione chiedono così spiegazioni alla direzione sanitaria dell’Ospedale ed al sindaco Bussagli. «E’ evidente che l’organizzazione è stata indecente e non ha funzionato – hanno detto – Vorremmo che chi di dovere desse spiegazioni alla cittadinanza sui motivi che hanno portato a questo grande caos, nella speranza che, nel caso dovessero esserci necessità ed emergenze analoghe, si trovino soluzioni più congrue».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli