Menu
Cerca

Evasione fiscale in una azienda vitivinicola

L'accertamento della Guardia di Finanza

Evasione fiscale in una azienda vitivinicola
Cronaca Val d'Orcia, 18 Aprile 2019 ore 10:03

Evasione fiscale: gli uomini della Guardia di Finanza di Siena hanno scoperto una frode messa in atto nel territorio di Montalcino da parte di un produttore di vino.

Evasione fiscale: l'azienda dichiarava che nella produzione era impiegata prevalentemente uve di propria produzione

Per ottenere accesso al regime fiscale agevolato del settore vitivinicolo dichiarava l'utilizzo di uva propria per garantirsi un notevole abbattimento delle imposte. La realtà gestionale, minuziosamente ricostruita dai militari, ha invece evidenziato una preponderanza degli acquisti di vino e di uve atte alla vinificazione da terzi produttori, circostanza che nel far venir meno l’applicazione della normativa di favore ha consentito la ripresa a tassazione ordinaria del volume delle vendite poste in essere.
I redditi complessivamente ricondotti a tassazione sono stati quantificati in oltre un milione di euro con un’IVA evasa all'erario per oltre centomila euro.

I controlli della finanza

I controlli della Guardia di Finanza sono costanti nei confronti dei produttori di vino nella provincia lungo la filiera di produzione e commercio. L'obbiettivo è quello di migliorare sia l'efficacia sia il recupero di imposte evase in modo tale da garantire un fisco più equo e proporzionale alla capacità di ciascuno.

LEGGI ANCHE: DANNEGGIAMENTO AGGRAVATO INTERVIENE LA POLIZIA

LEGGI ANCHE: LAVORO NERO IN VALDELSA: L'OPERAZIONE DELLA GUARDIA DI FINANZA