Cronaca

Domani sciopero dei taxi: “Il decreto concorrenza uccide il nostro lavoro”

Saranno garantiti livelli minimi di servizio per le categorie protette o motivi sanitari.

Domani sciopero dei taxi: “Il decreto concorrenza uccide il nostro lavoro”
Cronaca Siena, 23 Novembre 2021 ore 13:19

Il consorzio Cotas comunica che i tassisti senesi aderiscono allo sciopero nazionale del comparto taxi, indetto nella giornata di domani, mercoledì 24 novembre, dalle ore 07 alle ore 22. Lo stato di agitazione trova la sua fonte nella paventata introduzione dell’art. 8 del DDL Concorrenza, che prevede la riforma del trasporto pubblico non di linea, con pesanti ripercussioni a carico dei tanti operatori di ogni parte d’Italia, che vedrebbero messo fortemente a rischio il loro futuro lavorativo, senza peraltro portare alcun vantaggio all’utenza. Chiaro il pensiero del presidente Cotas Nicola Borghi: "Si rischia di spalancare le porte alle grandi multinazionali, che storicamente hanno dimostrato che il loro scopo è il guadagno, senza pensare troppo ai servizi ed agli utenti. Il rammarico è ancora più grande visto che i taxisti negli ultimi due anni di pandemia hanno svolto anche un lavoro socialmente importante, nonostante che per mesi abbiano avuto incassi vicini allo zero". Il servizio prima delle ore 7 e dopo le 22, avrà svolgimento regolare, ma per la restante parte della giornata saranno quindi garantiti solo i livelli minimi di servizio verso particolari categorie: portatori di handicap, donne in gravidanza, corse da e verso l’ospedale e gli studi medici per visite, persone over 70.