LE LINEE GUIDA PER OTTENERLO

Come ristrutturare casa a gratis. I capisaldi del bonus: ecco come ottenerlo e quali interventi fare

Dal 1° luglio – e fino al 31 dicembre 2021 – c'è la possibilità di ristrutturare la propria abitazione praticamente in maniera gratuita con l' "Ecobonus".

Come ristrutturare casa a gratis. I capisaldi del bonus: ecco come ottenerlo e quali interventi fare
Siena, 20 Giugno 2020 ore 15:30

Dal “verde” alle modalità possibili per abbattere l’inquinamento, dai Btp Italia che hanno riscosso un notevole successo in tutta Italia (come documentato anche dai nostri settimanali nel precedente numero) ai “bonus” che saltano fuori come funghi, il Governo sta attuando numerose misure per far ripartire l’economia del paese verso la “Fase3” post-epidemia da coronavirus.

Nel “Decreto Rilancio” c’è un tassello molto importante che riguarda le nostre case: dal 1° luglio – e fino al 31 dicembre 2021 – c’è la possibilità di ristrutturare la propria abitazione praticamente in maniera gratuita con l’ “Ecobonus”, perché comunque dovrà essere incentivato il risparmio energetico, stanziato al 110%. Un modo per far ripartire il mondo che gravita intorno al mattone.E’ opportuno, però, fare una breve carrellata su come muoversi all’interno di questa selva di decreti, scritti nero su bianco da pochi giorni sulla Gazzetta Ufficiale.

Come aderire allo sconto totale

Si potrà accedere all’Ecobonus 110% se si appronteranno lavori sulla propria abitazione relativi ad efficienza energetica, misure antisismiche, recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti (col bonus facciate), installazione di impianti solari fotovoltaici, installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici. In questo modo si potrà avere l’utilizzo diretto della detrazione di imposta sia sul credito d’imposta che un contributo sottoforma di sconto sul dovuto che potrà essere al massimo sull’importo della spesa fatturata.
Come comportarsi con le facciate.

In questo campo bisogna muoversi attentamente fra le varie norme per non cadere in errore: l’agevolazione al 90% riguarda tutti i contribuenti e tutti gli edifici ubicati in zona A o B mentre per quello al 110% i limiti sono molto stringenti.

Vengono considerati, però, alcuni interventi trainanti: i “requisiti minimi” che ancora non sono operativi; l’installazione di impianti fotovoltaici ed eventuali relativi sistemi di accumulo (qui l’agevolazione è totale) col miglioramento di almeno due classi energetiche qualora non sia possibile arrivare alla classe più alta. Senza queste specifiche non si può arrivare al superbonus e, perché ci siano ampie possibilità di accoglimento, bisogna che nell’abitazione sia già presente un impianto di riscaldamento.

Le novità per il fotovoltaico

Da qui non si esce: per beneficiare del “superbonus” c’è da passare dal fotovoltaico oppure addentrarsi nel “sisma-bonus”. A livello energetico, con la detrazione Irpef ed Ires del 110% sul risparmio “qualificato”, bisogna puntare alla sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti e sull’isolamento termico. In questi casi gli interventi che possono beneficiare del bonus arrivano fino ad una spesa massima di 30mila euro. Sul fotovoltaico, invece, non si sgarra: già era presente la detrazione al 50% che ora sale al 110% con un limite di spesa di 48mila euro o, comunque, di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale che poi viene ripartito in cinque quote annuali. Con una prerogativa: l’intervento “gratis” scatta se, insieme, si passa al risparmio energetico “qualificato” o al sisma-bonus.

Cos’è il sisma-bonus?

Si rimane nella traccia già presente per precedenti interventi con forti agevolazioni per quegli edifici che si trovano in zone sismiche 1, 2 e 3 con l’aggiunta che, adesso, la detrazione spettante passa al 110%.
Gli sgravi fiscali, pertanto, riguardano gli interventi antisismici per mettere in sicurezza statica edifici abitativi delle tre zone sopradette fino ad un massimale di 96mila euro per unità immobiliare per ciascun anno (si prendono in considerazione le procedure autorizzate dopo il 1° gennaio 2017). Ma questa detrazione altissima, a differenza del passato, si applica anche in favore di acquirenti di nuove abitazioni relativi a ricostruzione di edifici demoliti per ridurne il rischio sismico. Tutte misure che possono essere adottate nei condomìni e da persone fisiche che detengono unità immobiliari al di fuori dell’esercizio di attività di impresa mentre, al momento, non è ancora chiaro se possa essere applicabile anche per stabili produttivi.

L’amministratore, al centro di tutto

Molte delle misure della maxi-detrazione riguardano i condomìni e, di conseguenza, è fondamentale il ruolo dell’amministratore che dovrà convocare quanto prima una assemblea per illustrare le possibilità da perseguire ed attivarsi quanto prima per capire come affidare, ed a chi, i lavori di ristrutturazione. Questa operazione, inoltre, consente di aggirare un problema notevole ovvero chi, all’interno dello stesso condominio, non aveva liquidità a sufficienza fra inquilini e proprietari per aderire a lavori di miglioramento infrastrutturale. Adesso però si volta pagina col credito d’imposta o lo sconto in fattura che vale per tutti i lavori e, altro scrupolo in più, ci sarà da far rispettare (con aggravio costi) tutte le norme di sicurezza anti coronavirus.
Il momento delle grandi ristrutturazioni sembra davvero essere arrivato e potrebbe essere una occasione, per molti, da cogliere al volo per dare una svecchiata alla propria abitazione e renderla più sicura a costo zero.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità