colle di val d'elsa

Coltellate alle casse del supermarket, Tribunale di Siena condanna 58enne

L'uomo dovrà scontare 8 anni per tentato omicidio.

Coltellate alle casse del supermarket, Tribunale di Siena condanna 58enne
Cronaca Val d'Elsa, 20 Marzo 2021 ore 14:51

É stato condannato a 8 anni di reclusione, per il reato di tentato omicidio, il 58enne che nel gennaio 2020 aggredì a suon di coltellate un 41enne nel supermercato Simply di Gracciano di Colle di Val d'Elsa. Il verdetto del gup Ilaria Cornetti di Siena è stato emesso martedì pomeriggio, col rito abbreviato, a fronte di una richiesta della Procura di Siena di 9 anni di pena. Il fatto avvenne tra le casse del market e l'uscita. La vittima dell'aggressione ricevette due fendenti tra schiena e addome, per fortuna senza riportare danni fisici permanenti. Sul posto giunsero i carabinieri, che dopo aver ascoltato i testimoni oculari e visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza, identificarono l'autore del fatto, raggiunto dai militari, insieme agli agenti di Polizia, nella sua abitazione.

Qui fu trovato con addosso ancora i vestiti che indossava al momento dell'agguato. Messo alle strette dagli investigatori, che gli mostrarono le inequivocabili prove raccolte, confessò l'accoltellamento e venne arrestato. «Un gesto estemporaneo» ebbe a dire l’imputato a dicembre nel corso della precedente udienza in cui fu sentito di fronte al giudice. Sui motivi del gesto permangono delle zone d'ombra: secondo gli inquirenti alla base dell'aggressione ci sarebbero vecchie ruggini mai sopite tra i due, una tesi però negata dalla difesa dell'aggredito, che ha sempre affermato come i due in realtà non si conoscessero. Il tribunale ha inoltre disposto un risarcimento da 20mila euro, come provvisionale, col quantum che sarà poi stabilito in sede civile. Soddisfatto dell'esito processuale Michele Cortazzo, avvocato difensore della parte lesa, presente in aula al momento della lettura del dispositivo: «La sentenza – ha detto – ha riconosciuto la gravità del fatto, gli atti conducevano senza dubbio verso questa direzione. É stata una brutta vicenda, il mio assistito porta ancora i segni psicologici di quanto avvenuto».