Cronaca
Poggibonsi

Centro cittadino tra tafferugli, atti vandalici e furti

La denuncia: «Via della Rocca è centro dello spaccio»

Centro cittadino tra tafferugli, atti vandalici e furti
Cronaca Siena, 19 Settembre 2021 ore 13:39

Tafferugli, atti vandalici e furti. E’ questo il resoconto della settimana ne centro cittadino. Cittadini spaventati ed anche particolarmente sorpresi di quanto sta accadendo in questi giorni nelle piazze e strade principali. La localizzazione di questi avvenimenti è ciò che più colpisce, infatti. Uno dei luoghi sotto la lente d’ingrandimento è proprio via Trento, centralissima e frequentatissima.
Nello specifico i fatti sono due, atti vandalici nei confronti di alcune auto ed il furto di un motorino. Più in generale la questione, però, è relativa al centro.
Macchine distrutte in via Trento
I mattoni non cadono dal cielo, quindi, come accertato anche dalle forze dell’ordine, si è trattato di atti volontari. Le prime indiscrezioni affermano che siano state anche azione mirate. Sono stati divelti dei mattoni da un muro presente in loco e gettati sulle macchine, distruggendone di fatto il parabrezza. Con tutta probabilità la causa è ascrivibile a liti e discussioni tra alcuni residenti della zona. Sono già in mano alle istituzioni una serie di possibili vandali.
Facile l’identificazione.
Per quanto riguarda gli atti vandalici che si sono perpetrati in centro è stato piuttosto facile capire le varie dinamiche dell’accaduto, perché la città, in particolar modo il centro storico è dotato di un sistema di videosorveglianza collegato con tutte le forze di polizia. È da sottolineare, inoltre, che i carabinieri si trovano a poche centinaia di metri dal luogo teatro degli atti vandalici.
La testimonianza
Ad entrare nel dettaglio delle condizioni generali è Domenico Caldarola, residente da più di trent’anni in pieno centro.
«Purtroppo – ha affermato Caldarola – non girano molto queste informazioni, però, se abiti in centro la situazione è lampante. Abito vicino alla piazza del Comune, una zona che in teoria dovrebbe essere, almeno nell’immaginario, il centro del paese e quindi un’area più tranquilla. Non è assolutamente in questo modo. Anche negli anni passati ci sono state molte situazioni spiacevoli, come schiamazzi, gente che litiga, persone che si lanciano sedie, posizionate in alcuni bar, contro. Fondamentalmente una situazione di degrado. Uscendo di lavoro verso le 20 e passando da piazza Savonarola non c’è un bellissimo spettacolo. Gli spiaggiati e perditempo sono a decine. La parte peggiore è trovare la mattina le bottiglie rotte che pavimentano le vie principali».
E’ un fiume in piena Caldarola. «L’altro aspetto incredibile relativo al centro della città è via della Rocca, la parella di via Maestra ha fatto notare - In questa zona, a due passi dal Comune, la sera da mezzanotte alle due, una volta ogni due, massimo tre giorni ci sono dei personaggi che si aggirano e che intraprendono la loro attività economica delinquenziale. È incredibile che avvenga dietro al Comune. Tutto ciò non è vero solo per chi non vuole vedere, impossibile non rendersene conto. Lo affermo, c’è proprio una piazza di spaccio. Ho massimo rispetto per le forze dell’ordine e penso che questo Paese senza l’Arma e la Polizia andrebbe da poche parti. In città non riescono a coprire tutto il territorio, perché c’è un numero di agenti limitato -ha detto ancora - È dal 1990 che abito in centro e c’è stato un peggioramento progressivo. Se, poi, dal centro ci rechiamo alla stazione la situazione peggiora ancora».
Tentativi di furto di auto, ancora nessuna novità
La scorsa settimana erano stati protagonisti inconsapevoli Filippo Ciappi e Fabiola Giusti, i quali avevano ricevuto un tentativo di furto delle proprie auto. Ad oggi le indagini sono ancora in corso, ma come detto da Ciappi e Giusti non ci sono sviluppi. Gli indizi in mano degli inquirenti e le tracce fornite dai gps delle autovetture sono troppo labili, per riuscire a ricostruire un quadro dettagliato che riesca a far acciuffare i colpevoli. Grande lavoro non solo delle forze di polizia e dei carabinieri, ma anche della Polizia municipale.
Furto di motorino e ritrovamento
Se nella scorsa settimana la conclusione dei furti era sfociata in atti vandalici nei confronti delle macchine, in questa nuova settimana poggibonsese sono stati gli agenti della Municipale a risolvere una questione in centro. Il soggetto, non si era accorto che alcuni giorni fa gli era stato rubato il suo motorino. Ha potuto scoprirlo grazie all’intervento della polizia municipale, che ha ritrovato il mezzo. Così, gli agenti hanno contattato direttamente il proprietario restituendoglielo. Anche questo episodio è avvenuto in pieno centro città. L’uomo, però, non sapendo di avere subito il furto, non aveva sporto denuncia. Gli agenti municipali del comando poggibonsese, notando un motorino abbandonato alla periferia della città, avevano fatto dei controlli ed erano risaliti al proprietario del mezzo.