San gimignano

Sant’Agostino, abside consolidata

Sant’Agostino, abside consolidata
Attualità Chianti senese, 12 Settembre 2021 ore 14:59

Il sindaco di San Gimignano Marrucci: «Un elemento preziosissimo della nostra storia cittadina».

Sant’Agostino, abside consolidata

Il cantiere in Sant’Agostino era stato avviato nell’aprile di quest’anno. A distanza di quattro mesi arriva l’annuncio del termine dei lavori di consolidamento dell'abside.

«La Soprintendenza – ha affermato il sindaco Marrucci – mi ha confermato che sono terminati i lavori di consolidamento, attraverso micropali, dell’abside della chiesa, per un importo di circa 200mila euro. La Sabap è adesso in attesa che venga pubblicato il Decreto ministeriale che permetterà l'inizio dei seguenti interventi nel convento, il rifacimento di parte della copertura del Chiostro interno in stato di crollo e oggi puntellato, micropali su tutta la parete nord-est, la ricucitura lesioni su murature interne, il consolidamento restauro della parete longitudinale navata della Chiesa, il consolidamento della copertura dell’abside e finalmente l’inizio del restauro degli affreschi di Benozzo Gozzoli dopo la messa in sicurezza del 2019».

L’opera complessiva alla chiesa ha, infatti, anche la finalità fondamentale di proteggere le ricchezze artistiche della città, ovvero gli affreschi di Benozzo Gozzoli.
I lavori hanno l’obiettivo di una complessiva messa in sicurezza di tutto il complesso. A seguire le operazioni sarà l’Architetta Grifo della Soprintendenza. Il finanziamento previsto e la spesa complessiva per i lavori solo di consolidamento sono di svariate centinaia di mila euro.
La prima opera è stata quella di un intervento lungo la parete esterna della chiesa. Un lavoro di micropali in acciaio per consolidare la struttura. In seguito avverrà un’operazione di messa in sicurezza delle lesioni interne alla chiesa. Inoltre, sarà restaurata anche la copertura del tetto del chiostro superiore del convento.
Il 28 agosto tradizionalmente si celebra Sant’Agostino e quest’anno ci sono, appunto, buone notizie per il complesso del convento e della chiesa dedicate al Santo.

«Per quanto riguarda il Torrione di Sant’Agostino, detto dei Frati – ha concluso il sindaco – i lavori proseguono e la Sabap conta di poterli terminare entro la fine dell’anno. Un importante intervento sul patrimonio pubblico della nostra città che sollecitavamo da tempo e per il quale varie amministrazioni, varie associazioni e singoli cittadini si sono spesi negli anni a tutela di un complesso dal valore inestimabile, fonte di grande richiamo per l’offerta culturale della città, oltre che un elemento preziosissimo della nostra storia cittadina».