Attualità
La storia

Da Bagno a Ripoli al festival di Sanremo… con i vini!

L’azienda Ruffino ha rifornito il vino in tutte le aree del festival

Da Bagno a Ripoli al festival di Sanremo… con i vini!
Attualità Siena, 13 Febbraio 2022 ore 11:52

Il Festival di Sanremo è la celebrazione dell’Italia e della musica della Penisola. Ma oltre agli abiti scintillanti, agli ospiti  e agli artisti, c’è tanto di più. E quest’anno, c’era anche Bagno a Ripoli, con l’azienda Ruffino. Il legame del territorio con la prestigiosa kermesse ligure è il vino. «Abbiamo avuto- ha spiegato Francesco Sorelli direttore della comunicazione- l’onere e l’onore di rifornire il vino in tutte le aree lounge e ristorazioni, nelle aree dei giornalisti, nei luoghi di Hospitality di Sanremo». Fra flash e grande cura ai dettagli, ecco Bagno a Ripoli, con il vino proveniente anche dalla tenuta Le Tre Rane di Poggio Casciano. «È stata- ha continuato Sorelli- una settimana bella e divertente, abbiamo visto passare quasi 50mila persone a Casa Sanremo». E portare l’eccellenza del territorio in una vetrina così tanto grande. Una possibilità nata quasi per caso, grazie a un passaparola e un contatto con una radio fiorentina, diventata poi una splendida realtà. «Alle spalle del corso storico di Sanremo - ha detto Sorelli - si apre un palazzetto, che diventa all'occorrenza Casa Sanremo. Un’area di relax, di interviste, ristorazione, sushi bar e sponsor. Un luogo dove, prima del Covid, si incontravano anche gli artisti».

Il lavoro di Ruffino, a Sanremo, è stato anche di valorizzazione dei media. «Da Lapo Pretelli- ha elencato Filippo Sorelli- di Lady Radio che ha trasmesso ‘cosa succede a Sanremo’, al food influencer Lorenzo Galliano e Carletto Dj, comunicatore e influencer». Quelli arrivati nel capoluogo ligure, sono i fiori all’occhiello dell’Azienda, che poi per gioco, ha provato ad associare anche ai vari cantanti del Festival. «Riserva Ducale- ha raccontato Sorelli- è un grande classico che migliora col tempo, lo abbiamo associato a Gianni Morandi. Modus invece è un vino proprio di Bagno a Ripoli, della tenuta di Poggio Casciano, caratterizzato da una vellutatezza e da una morbidezza speciale. Per noi, era Mahmood e Blanco, un’interpretazione contemporanea e intensa, di fare vino come di fare musica. Elisa invece è Aqua di Venus Bianco, delicato etereo ma con bel carattere. Noemi invece Aqua di Venus Rosé, con la bottiglia che ricorda un profumo, sinuoso, delicato e fresco. Il Prosecco Bio, invece, è Dargen D’Amico. Brioso, festoso, per brindare, con note glamour e trendy». Giornate intense, divertenti, che hanno legato l’azienda al Festival. «Il vino- ha concluso Sorelli- è un ponte che unisce, un’identità che permette di rinnovare con maestria la convivialità. Il nostro sintagma è “vivere di gusto”».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter