Attualità
Poggibonsi

#25novembre: luce arancione su palazzo comunale

Salvadori: “Un gesto simbolico che si unisce a tante azioni concrete”

#25novembre: luce arancione su palazzo comunale
Attualità Chianti senese, 24 Novembre 2021 ore 16:17

Luce arancione sul palazzo comunale. Domani, 25 novembre, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne il Comune di Poggibonsi aderisce alla campagna internazionale “Orange the world”, promossa da UN Women.

“Un gesto simbolico che si unisce a tante azioni concrete che il nostro territorio progetta, sviluppa e promuove da anni – dice Susanna Salvadori, assessore alle Pari Opportunità e presidente del Centro Pari Opportunità Altavaldelsa – Un impegno a 360 gradi che si articola attraverso una rete territoriale importante e che può contare su professionalità, associazioni, strumenti di prevenzione, di sensibilizzazione ma anche di formazione, accoglienza e reinserimento. Una rete che ringrazio in tutte le sue articolazioni”.

“La giornata di domani – prosegue Salvadori - è un’occasione per ribadire il nostro impegno continuo contro la violenza di genere attraverso iniziative di sensibilizzazione”.

La campagna internazionale “Orange the world” è stata raccolta dalla Provincia di Siena e dall’Associazione Soroptimist International d’Italia, Club di Siena. In adesione alle due proposte nella giornata di domani l’arancione, colore simbolico di un futuro senza violenza di genere, illuminerà le finestre del palazzo comunale. Inoltre, la Provincia di Siena sempre in occasione della giornata del 25 novembre ha proposto a tutti i Comuni di aderire alla campagna di sensibilizzazione rispetto alla drammatica situazione che sta vivendo il popolo afghano ed in particolare le sue donne. “Il nostro Comune ha raccolto questa proposta - dice Salvadori - che sarà inoltrata ai nostri consiglieri e alle nostre consigliere con l’invito a devolvere un gettone di presenza per un consiglio comunale tenuto nel mese di novembre al CISDA (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane) per sostenere le azioni a favore delle donne e delle ragazze afghane”.

“La nostra azione di contrasto alla violenza di genere ha una storia lunga e c'è tanta strada ancora da percorrere, come le cronache ci evidenziano - dice - Per questo occorre ribadire il nostro impegno ad affrontare un fenomeno strutturale come questo, che chiede risposte altrettanto strutturate e una presa in carico complessiva e articolata”.