Montespertoli

Mattia scrive e pensa in grande: «Sogno di fare un programma tv di cucina»

L’intervista al ventiquattrenne di Ortimino. Il 3 settembre uscirà il nuovo libro «I sapori di casa»

Mattia scrive e pensa in grande: «Sogno di fare un programma tv di cucina»
Val d'Elsa, 31 Agosto 2020 ore 14:56

La passione per i sapori e le bellezze del suo territorio, con lo sguardo rivolto al futuro e al sogno, un giorno, di poter realizzare un programma televisivo di cucina. Mattia Compagnucci, 24 anni, residente a Ortimino in cui porta avanti l’azienda «Valleprima» insieme alla famiglia, ha le idee chiare.

Intanto, il 3 settembre sarà presentato il suo nuovo libro di ricette «I sapori di casa» edito dalla «Porto Seguro», che già aveva pubblicato il primo romanzo dell’autore montespertolese, «Questione d’onore». Allora fu un giallo, oggi un inventario di ricette «semplici e alla portata di tutti» come ha affermato Mattia, che abbiamo intervistato mercoledì scorso.

Rispetto a qualche anno fa hai cambiato completamente genere. Quando è maturata l’idea di scrivere un libro di ricette e cosa dobbiamo aspettarci dalla tua nuova pubblicazione?

«È nato tutto durante il periodo della quarantena. Con la chiusura totale delle attività, fermi a casa, decisi di fare delle dirette su Facebook dove condividevo le mie ricette e davo consigli di cucina. Una specie di laboratorio gratuito per tenere compagnia a chi aveva voglia di seguirmi e agli amici. Poi ho pensato che fosse bello raccogliere tutte le creazioni in un libro. Sia quelle di questi mesi di lockdown che quelle nel cassetto, pronte ad essere scritte. Troverete ricette facili e divertenti da realizzare con spiegazioni sulla nascita del piatto, l’etimologia di alcuni termini e piccoli aneddoti storici sulla cucina».

Per un certo periodo ti eri ritirato dai social e molti si erano preoccupati. Dietro questa scelta c’era anche la volontà di dedicarsi alla stesura di «Sapori di casa»?

«Esattamente. Ho deciso di togliere il tempo che impiegavo nell’utilizzo dei social per impegnarmi completamente in questo progetto. È stata una bella e faticosa esperienza ed essere riuscito a concludere il libro mi ha reso felice e orgoglioso. La pressione mediatica di quei mesi sul Coronavirus e il clima di ansia che si respirava anche online non mi avrebbe aiutato. Perciò presi questa decisione, di sparire per un po’. Ciò mi ha permesso di concentrarmi sulla cura dei minimi dettagli per la pubblicazione. Scegliere i prodotti, le posate e i piatti giusti per le foto, approfondire gli argomenti e perfezionare i testi. Comunque adesso sono tornato sui social con questa sorpresa!».

Ci dovessi consigliare qualche ricetta che troveremo nel tuo libro, cosa ci diresti?

«Come antipasto l’«uovo in purgatorio», un occhio di bue con pomodoro. Come primo le «Pappardelle al Chianti Montespertoli» dove nell’impasto è aggiunto del vino del nostro borgo. È una ricetta che portai a Roma ad Alice Tv. Poi proseguirei con un secondo di «Finti fegatelli» e infine i «Biscotti alla lavanda». Sono tutte nel libro insieme a molte altre, se siete curiosi!».

L’azienda di famiglia, «Valleprima», come ha affrontato l’emergenza da Covid-19?

«All’inizio eravamo un po’ spaesati, non sapevamo come comportarci. Ci siamo ritrovati obbligati a chiudere e non è stato semplice. Poi abbiamo iniziato con le consegne a domicilio e ci siamo salvati in qualche modo. Verso maggio, preparandosi alla riapertura, abbiamo pensato di organizzare delle cene nel weekend a base di taglieri, formaggi e salse gourmet. Era nato quasi per gioco, mettendo due tavoli fuori dalla porta dell’azienda. Oggi, dal lunedì alla domenica, passano tante persone a mangiare. Le avventure che partono così, senza tante pretese, sono quelle che si rivelano le più soddisfacenti. Adesso i clienti sanno che qui da noi non trovano le solite cose ma cibi ricercati. Stiamo attenti ad ogni dettaglio».

Cosa ti piacerebbe fare in futuro?

«Vorrei portare l’azienda di famiglia ad un alto livello nel territorio. Personalmente, il sogno è iniziare a lavorare in un programma di cucina in televisione. Ce la metterò tutta».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità