I trend

La moda e i tagli dell’estate 2021: le donne amano i capelli corti

I nuovi trend della stagione e la pandemia che cambia lo stile. Parola a Giulio Bianconi di «Lineamenti Unisex»

La moda e i tagli dell’estate 2021: le donne amano i capelli corti
Altro Val d'Elsa, 17 Luglio 2021 ore 10:00

Uno dei settori più colpiti dalle numerose chiusure imposte dal Governo è sicuramente quello relativo alla bellezza ed in particolare parrucchieri e barbieri. I meccanismi di anti-contagio hanno, però, influenzato anche le mode e lo stile. Questo è accaduto anche in Valdelsa. Cambiano gli stili ed i tagli in ragione delle chiusure, ma anche per l’arrivo dell’estate. Giulio Bianconi di Lineamenti Unisex ha notato che per il femminile l’estate richiama il taglio netto: «Sta andando molto il corto ed i caschetti, tagli anche molto aggressivi che hanno poco da invidiare al maschile. Alcune osano anche con delle rasature o totali o parziali. L’estate comunque sarà del corto. Per quanto riguarda le colorazioni andremo sulle calde, ma chiare. È molto gettonato anche il balayage. Sui tagli lunghi stanno andando molto gli scalati».

Qual è stato il cambiamento che ha potuto notare?

«Il fatto che siano preferibili tagli corti è molto significativo. Il nostro mondo ha visto un grande cambiamento e questo inevitabilmente ha creato una trasformazione dello stile. La moda, quella accessibile a tutti, viene anche fatta dalle esigenze. Molte persone ora ricercano ancora di più la qualità e c’è un interesse per tutto il servizio. Prima c’era una maggiore continuità. Era normale che alcune venissero una volta a settimana, una volta per un taglio, mentre per il colore o la piega la settimana successiva. Oggi si cerca di far tutto in una volta».

Quindi le chiusure dei vostri negozi hanno influenzato anche lo stile?

«Assolutamente. Siamo stati fermi per quattro mesi. Chi ha il culto di farsi il colore non poteva vedersi la ricrescita, lo stesso vale per il taglio. Oggi le clienti tendono a venire una volta sola e fare tutto il servizio, questo comporta anche il cambio dello stile e muta anche la forma del taglio di capelli».

In molti hanno provato a far dar sé, ma qual è stato il risultato?

«I clienti hanno capito che gli è mancata la professionalità, quindi si capisce anche l’esigenza di venire in un salone ed avere un’idea precisa e più duratura. Ti accorgi di quello che avevi quando non lo hai più. Sta cambiando il culto della vecchia piega settimanale. Con la pandemia cambia il modo di farsi i capelli e lo stile stesso».

Qual è, invece, la nuova moda per il maschile?

«Non ci sono stati grandi cambiamenti, da alcuni anni l’uomo ricerca più cura. Per l’estate viene messa da parte la moda della barba lunga. C’è la voglia di avere una barba più corta e curata».