L’inchiesta

Dove abitano i Paperon de Paperoni? Ce lo dice l’Istat per Chianti e Siena

I più ricchi stanno a Poggibonsi

Dove abitano i Paperon de Paperoni? Ce lo dice l’Istat per Chianti e Siena
Chianti senese, 09 Settembre 2020 ore 17:19

«Per la novantanovesima volta nipote, abbi pietà! Che ne sapevo io, che quel nichelo valeva 5 dollari?!» faceva dire Carl Barks, fumettista di «Paperino», al famoso personaggio Paperon dé Paperoni. Certo, non tutti saranno come lo Zio che ne aveva talmente tanti di soldi da non sapere il costo di un piccolo oggetto. Anzi,sono ben pochi a giudicare dagli ultimi dati risalenti al 2018 che l’Istat ha pubblicato rilevando il reddito pro capite a persona e sicuramente tutti sapranno anche il valore della vita di tutti i giorni.

In termini assoluti sono 23 i «ricconi» in più nella Valdelsa e nel Chianti rispetto al 2017. Erano 920 e sono 943, nettamente superiori a quelli della vicina provincia senese con 389 persone con reddito sopra i 120 mila euro, rispetto ai 338 dell’anno precedente. Sono però ben 51 i nuovi ricchi senesi.

Tra i comuni che si affacciano alla vicina Firenze è Bagno a Ripoli ad avere il maggior numero di «paperoni» con 315 cittadini, 7 in più dell’anno precedente. Sette come i nuovi ricchi che si sono aggiunti a San Casciano che passa da 110 a 117 abitanti sopra i 120 mila euro ma resta dietro alla confinante Impruneta sempre al secondo posto, saldo, con 181 ricchi, uno in meno del 2017.

Resta invariata la situazione a Castelfiorentino: 57 erano e 57 sono rimasti. Aumentano invece in quattro comuni. A Barberino Tavarnelle sono 4 i super ricchi in più, a Certaldo 6, Gambassi 2 e Greve in Chianti 8. È quest’ultimo ad aver fatto il balzo in avanti più lungo, salendo a 67 totali.

Calo importante a Montespertoli che passa da 78 a 69 persone oltre la soglia stabilita dall’Istat dei 120 mila, mentre il fanalino di coda, se così si può chiamare, di questa classifica è Montaione con soli cinque «ricconi», addirittura diminuiti di uno rispetto al 2017.

Nel senese è medaglia d’oro per Poggibonsi con 111, salito di ben 13 persone. Argento per Colle di Val d’Elsa che cresce di 6 e si porta a 71. Rimane dietro Castelnuovo Berardenga con 62, calato di uno.

Situazione pressoché stabile per Casole d’Elsa con 9, in lieve diminuzione, Gaiole in Chianti, Monteriggioni e Radda in Chianti che sale a 8 ma rimane l’ultimo dei comuni nella provincia. Il nuovo ingresso è Castellina in Chianti, per cui i dati non erano consultabili nel 2017. Un anno dopo sono 25 le persone in questa fascia. Ottima crescita di San Gimignano che dal 2016 è passato da 28 a 39.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità