Menu
Cerca
Il caso

Ci risiamo con l’ascensore: tutto fermo, bisognerà attendere

Il sindaco cerca di rassicurare i residenti sul Baluardo, ma le proteste aumentano: «Impianto indispensabile»

Ci risiamo con l’ascensore: tutto fermo, bisognerà attendere
Altro Siena, 05 Giugno 2021 ore 15:00

Pur con tutti i problemi creati negli ultimi anni, l'impianto di risalita del Baluardo rimane fondamentale per la popolazione di Colle: si tratta, infatti, del solo modo, per i pedoni, di raggiungere la parte altadi Colle senza dover affrontare una lunga e faticosa salita. Da diversi mesi, però, la struttura è chiusa: quella che avrebbe dovuto essere una semplice revisione si è prolungata da marzo fino a oggi, e ancora non è in vista la riapertura.

Alessandro Donati, sindaco di Colle, ha fatto il punto della situazione «Vorrei ribadire ancora una volta chel'ascensore non è rotto, l'impianto questa volta non si è guastato, anzi, è perfettamente funzionante. Il problema, però, è che non può essere utilizzato: deve essere fatto un collaudo che era già programmato. Ovviamente non è la stessa cosa che fare la revisione a una macchina, richiede un tempo ben superiore ad una mezzora». Nonostante questo, ai colligiani appare impossibile chel'impianto sia chiuso da ormai quasi tre mesi in attesa di quello che dovrebbe essere, a conti fatti, un semplice controllo. A bloccare il tutto, ha spiegato il primo cittadino, è stata la questione della così detta «navicella»: «Si trattadi una struttura che viene calata nel pozzo dell'ascensore per controllare tutti gli ancoraggi della struttura centrale al terreno, che ha a sua volta bisognodi una revisione che non è stata eseguita da molti anni. Finché non sarà stato eseguito questo lavoro, non potrà essere fatto tutto il resto, e quindi i tempi si sono allungati». Una situazione non nuova ai colligiani, che negli ultimi anni hanno visto l'impianto di risalita chiuso spesso per mesi a causa dei numerosi guasti, ma che non per questo crea minori problemi: «Si tratta di un impianto indispensabile per chi vive in Colle Alta - ha raccontato un residente -. E' la sola via d'accesso meccanizzata all'area di Castello, un quartiere dove vivono molte persone anziane e che è servito da un numero limitato di autobus: ci si può veramente aspettare che un'ottantenne si arrampichi su per via Matteotti o per la Costa, magari con una borsa della spesa in mano? L'ascensore deve essere riattivato quanto prima». Con l'avvicinarsi della stagione estiva e la caduta di quasi tutte le restrizioni agli spostamenti, poi, si è aggiunto anche il problema dei turisti: «Da anni si sottolinea che Colle dovrebbe puntare di più sul turismo, e poi, con l'estate alle porte, si tiene chiusa la principale via d'accesso alla parte alta della città. E' poco probabile che un turista sia soddisfatto di dover fare una salita estremamente ripida, magari con trentacinque gradi, per arrivare al Baluardo. Quale pubblicità potrebbe fare a Colle?».

Problemi che il sindaco ha dichiarato di comprendere: «So che questa situazione sta creando grossi disagi a tutti, dagli studenti delle scuole ai residenti di Castello, per arrivare a chi vuole semplicemente fare una passeggiata. Conosciamo benissimo i notevoli disagi, e ce ne scusiamo con tutti gli utilizzatori. Stiamo cercandodi accelerare quanto più possibile tutte le procedure, ma i tempi sono inevitabilmente piuttosto lunghi, a livello di burocrazia, atti formali e manutenzione effettiva». Impossibile, per il momento, conoscere i tempi che saranno necessari per vedere riattivato l'impianto, anche se sembrano poche le speranze che possano essere brevi.