Potenziamento

Aumento test seriologici: il tampone sarà obbligatorio per chi avrà gli anticorpi e sarà l’unica conferma di eventuale positività Covid

Aumento test seriologici: il tampone sarà obbligatorio per chi avrà gli anticorpi e sarà l’unica conferma di eventuale positività Covid
Siena, 03 Maggio 2020 ore 12:31

Sarà la risposta Asl al prevedibile aumento dei test sierologici: il tampone sarà obbligatorio per chi avrà gli anticorpi e sarà l’unica conferma di eventuale positività Covid. Chi risulterà con gli anticorpi dovrà immediatamente seguire le stesse prescrizioni che hanno i positivi Covid.

I test sierologici si erano già diffusi, ma è ipotizzabile che con le parziali riaperture del 4 maggio s’intensifichino. L’Asl è pronta per i tamponi necessari, ovviamente gratuiti, qualora dal test emerga che il cittadino ha gli anticorpi e quindi debba obbligatoriamente sottoporsi al tampone.

I test sierologici sono volontari, possono essere fatti dai lavoratori autonomi con un’autocertificazione oppure all’interno di un programma deciso dall’azienda dei lavoratori dipendenti.

Il lavoratore telefona ad uno degli istituti privati convenzionati con la Regione. Il laboratorio di analisi convenzionato che effettua il test sierologico può dare due tipi di risposte. Nel sangue non ci sono gli anticorpi e quindi la persona può fare tutto ciò che le ordinanze oggi gli consentono. Nel caso in cui gli anticorpi invece ci siano, il laboratorio comunica al cittadino l’esito del test positivo e la necessità di eseguire un tampone di conferma il più presto possibile. Consegna al cittadino le informazioni necessarie al drive-thru, cioè i laboratori mobili, presenti sul territorio nonché le indicazioni sulle norme comportamentali di prudenza da adottare fino al prelievo del tampone e fino al suo esito.

Per prenotare il tampone, è sufficiente telefonare al numero verde unico della Regione Toscana che è 800 55 60 60. Composto il numero e ottenuta la linea, si sceglie l’opzione 2 e cioè l’esecuzione tampone post esame sierologico. Il numero verde sarà attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 e il sabato mattina dalle ore 9 alle ore 13. È importante che al momento della telefonata, il cittadino abbia sottomano la sua tessera sanitaria. Si ricorda che non saranno assolutamente possibili accessi diretti al laboratorio mobile: la prenotazione, attraverso il numero verde regionale, è obbligatoria.

Dove sarà eseguito il tampone? Nei drive thru. Nella provincia di Siena, dal 4 maggio le presenze saranno intensificate per garantire la massima copertura. In provincia di Siena saranno attivi nel capoluogo, a Chianciano Terme, ad Abbadia San Salvatore, all’ospedale di Campostaggia. Giorno, orario e luogo saranno comunicati al cittadino dal numero verde regionale.

Dove possono essere fatti i test sierologici nella provincia di Siena
Centro Diagnostico Senese: 0577/51026;
Polo GGB: 0577/381312;
Centro Analisi Cliniche Alba: 0577/600893 – Via Salceto 91, Poggibonsi;
Synlab:
S.S. 222 Chiantigiana, 503035 Castellina Scalo, Monteriggioni;
Via Casalpino 17, Sinalunga;
Via delle Terme sud 46, Montepulciano;
Via delle Casette 64, Colle di Val d’Elsa.

Le categorie destinatarie test sierologici
Con due diverse ordinanze, la Regione Toscana ha individuato i gruppi destinatari dei test sierologici. Li ricordiamo: operatori sanitari e soggetti operanti a vario titolo nelle Aziende ed enti del SSR, operatori nelle strutture sanitarie private e di altri enti nel territorio regionale; operatori e ospiti delle strutture socio-sanitarie e di accoglienza, con particolare riferimento alle RSA e RSD; personale del volontariato impegnato nella emergenza sanitaria e di protezione sociale in genere; farmacie; personale addetto agli Istituti penitenziaria, con particolare attenzione al personale sanitario; forze dell’ordine e Vigili del Fuoco; chiunque, in forma singola o associata, svolga un’attività lavorativa di assistenza o sostegno alla popolazione anziana e/o fragile.

A questo primo gruppo se ne è aggiunto un secondo: Polizia Municipale e Polizia Provinciale; lavoratori esercizi commerciali e grandi strutture di vendita alimentare, unitamente agli addetti al trasporto merci; lavoratori di aziende pubbliche o private relative allo smaltimento e raccolta dei rifiuti,la cui attività implica il contatto con rifiuti potenzialmente infetti; dipendenti pubblici, la cui attività implica il contatto con il pubblico; dipendenti degli uffici postali, la cui attività implica il contatto con il pubblico; dipendenti dei servizi bancari, finanziari e assicurativi, la cui attività implica il contatto con il pubblico; lavoratori dei servizi a domicilio; lavoratori dell’editoria e della emittenza televisiva a contatto con il pubblico; edicolanti e librai; operatori del trasporto pubblico locale, la cui attività implica il contatto con il pubblico; tassisti; operatori delle imprese/agenzie di onoranze funebri; operatori della logistica, la cui attività implica il contatto con il pubblico; personale dei consolati a contatto con il pubblico; personale dei porti e degli aeroporti.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità